Menu

Rassegna stampa 2017-2018

25 aprile 2018 - www.ondatv.it

Gli alunni del "Da Vinci" terzi classificati di Young Business Talents 2018

I ragazzi della squadra

Heartofmylae, provenienti dall’ITC L. Da Vinci di Milazzo (ME), sono i terzi classificati della quinta edizione italiana di Young Business Talents (YBT), il programma formativo basato su un simulatore d’impresa che permette ai giovani di prendere decisioni all’interno di un’azienda. Ecco i loro nomi: Pietro Mario Gangemi, Alessio Cuva, Ivan Cosimini e Giuseppe Napoli (tutor Prof. Diego Greco).

Il progetto è organizzato da NIVEA, che ne fa uno dei capisaldi della sua Corporate Social Responsibility nell’ottica di aiutare i giovani e le loro famiglie a costruire un futuro migliore. Il simulatore d’impresa è realizzato dalla software house Praxis MMT.Le squadre finaliste si sono divise un montepremi di 11.670 euro. In dettaglio, le 15 squadre meglio classificate in ognuna delle 15 simulazioni della finale hanno ottenuto 400 euro ciascuna.In aggiunta, le cinque finaliste che hanno raggiunto il massimo profitto (cioè i vincitori assoluti) hanno ottenuto 600 euro (la prima), 480 euro (la seconda), 360 euro (la terza), 280 euro (la quarta) e 200 euro (la quinta).Gli insegnanti e gli istituti scolastici hanno ricevuto a loro volta dei premi.Dei 5.550 ragazzi iscrittisi (in aumento di quasi il 50% rispetto allo scorso anno), che hanno dato vita a 1.559 squadre – altrimenti dette “aziende virtuali” – in gara, e dei 3.756 semifinalisti scremati a gennaio, in 272 hanno conquistato la finale, svoltasi ieri, venerdì 6 aprile, a Sesto San Giovanni (MI), presso Spazio Mil.La finale, aperta da Andrea Mondoni, General Manager Southern Europe di Beiersdorf, è stata condotta dall’imprenditore tecnologico Andrea Latino, con interventi del noto youtuber Edoardo Mecca. Ha tenuto uno speech anche Luisa Bianchi, HR Director Southern Europe di Beiersdorf.Vincitrice assoluta è la squadra Pezsquad dell’IS Cerletti di Treviso, composta da Yuri Corrao, Marco Serbati, Samuele Dal Mas e Omar Chiesurin (tutor Prof. Paolo Pantaleoni).


21 aprile 2018 - www.oggimilazzo.it

Un momento della presentazione

Istituto Da Vinci, presentato il video “Be Newtron” realizzato con il regista Nunzio Gringeri (IL VIDEO)

Si chiama “Be Newtron” ed è il frutto del lavoro dei ragazzi delle classi IV e V A, del corso di Grafica e Comunicazione dell’Istituto “Leonardo Da Vinci” di Milazzo. Si tratta di uno spot video presentato venerdì mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nell’aula magna dell’istituto milazzese, che è il doveroso riconoscimento ad un progetto di Alternanza Scuola Lavoro. Nunzio Gringeri è stato il regista/tutor che ha affiancato e supervisionato l’intera iniziativa.

Presenti alla proiezione la dirigente Stefania Scolaro, Maria Saccà, responsabile marketing della Newtron, il regista, Nunzio Gringeri, e il Antonio Patti.

Una splendida realtà, la Newtron, tutta siciliana, la prima azienda italiana ed europea ad essere certificata come costruttore di sistemi di qualificazione elettrica grazie a un kit per trasformare un’autovettura a motore termico in elettrico o ibrido. Dinamico ed incalzante il tono di comunicazione dello spot, ideato dai ragazzi, che vede protagonista una bella donna intenta in una serie di acquisti in centro, delimitato e protetto dalla Ztl. Risolverà lestamente la sua impasse nel trasportare le numerose confezioni avvalendosi dell’aiuto di un prestante Porter che, dotato di motore elettrico Newtron, non subisce limitazioni alla viabilità. La colonna sonora dello spot è stata composta da Michele Lo Surdo, uno studente della VA sempre del corso di Grafica e Comunicazione.

Un modo creativo per dire… mobilità sostenibile. L’idea maturata già lo scorso febbraio, dall’incontro delle classi con Maria Saccà, direttamente in azienda. Un confronto con la committenza, utile e doveroso che ha permesso di organizzare la proposta sui punti di forza del prodotto e sulle attitudini del target. Creatività e comunicazione al servizio di una grande azienda.

Emozionante e nostalgico, come tutte le cose belle ed intense che hanno termine, è stato il tono di comunicazione che ha marcato poi i saluti, i complimenti e le considerazioni finali. La responsabile marketing della Newtron pienamente convinta e soddisfatta della bontà del prodotto, ha lodato l’Itet Leonardo da Vinci e gli alunni che ha avuto modo di conoscere soprattutto in un momento in cui la cronaca nazionale incalza con notizie poco edificanti sulla degenerazione dei comportamenti di alunni e genitori nei confronti di insegnanti ed alunni più indifesi.

IL VIDEO

 

BE NEWTRON

Spot video realizzato dai ragazzi delle classi 4^-5^A del corso di Grafica e Comunicazione, coaudiuvati dal regista/tutor Nunzio Gringeri, nel percorso di Alternanza Scuola Lavoro. L'azienda committente è la NEWTRON.

Pubblicato da ITET Leonardo Da Vinci su domenica 22 aprile 2018

 

 


18 aprile 2018 - www.oggimilazzo.it

Una giornata dedicata al mare e alla cultura marinara

L’11 aprile di ogni anno, in tutta Italia, si celebra la “Giornata del mare”, istituita per formare nuove generazioni consapevoli dell’importanza che il mare riveste nella cultura e nell’economia italiana. Una giornata dedicata alla sensibilizzazione della cultura del mare – inteso come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico- che ha lo scopo di formare, attraverso conferenze e giornate di studio, cittadini consapevoli dell’immenso valore che il mare riveste nella vita e nella cultura italiana.

A questo importante appuntamento non poteva mancare l’Itet “Leonardo da Vinci”, da sempre impegnato a diffondere e approfondire tutte le tematiche attinenti il mare e la sua salvaguardia, specie da quando annovera tra i suoi indirizzi di studio “Trasporti e Logistica”, istituito quattro anni fa. L’incontro è stato realizzato in collaborazione con la Lega Navale – sezione di Milazzo e la Capitaneria del Porto di Milazzo. Molte le personalità e le istituzioni presenti nell’Aula Magna, che hanno parlato di biologia marina, sicurezza in mare e di un possibile sviluppo sostenibile dell’economia marina. Presenti alla “Giornata del mare”, inserita nel nuovo Codice della Nautica, il Presidente del Consiglio comunale di Milazzo Gianfranco Nastasi, Fabio Rottino, Comandante della Capitaneria di Porto di Milazzo, alcuni rappresentanti dell’autorità portuale di Messina, G. Maneri, Presidente di “Italia Nostra”, sez. di Milazzo e altre personalità. Interessante l’intervento di Carmelo Isgrò, biologo e autore del volume “Guida alla natura di Capo Milazzo” che ha parlato dei danni dell’inquinamento sull’ambiente marino. Il Luogotenente della Guardia Costiera di Milazzo, Luca Losapio, ha esposto questioni legislative relative alla sicurezza in mare, divulgando la sua esperienza come Ispettore per la sicurezza delle navi da crociera italiane all’estero. E’ stata una bella mattinata, molto partecipata e apprezzata dagli studenti, che hanno voluto onorare con i loro interventi la I edizione della “Giornata del Mare”.


17 aprile 2018 - www.oggimilazzo.it

Un momento della presentazione del docufilm

Istituto “Da Vinci”, il regista Danilo Currò presenta il docufilm “Sunday”

“Sunday “è un docufilm che ha partecipato a numerosi festival internazionali e racconta la storia di un giovane nigeriano in fuga dalle persecuzioni del suo Paese. Approdato dopo tante vicissitudini a Messina, incontra Danilo Currò, che raccoglie i suoi sogni e le sue esperienze in un documentario ricco di immagini di forte impatto emotivo. L’occhio spontaneo della cinepresa ci mostra gli ambienti della sua nuova vita, il centro Ahmed, facendoci incontrare i compagni di Sunday, tutti di religioni e provenienze diverse. Tanti giovani, uniti da un unico, grande valore: “One people, one nation”. Un messaggio importante, di cui il regista messinese, presente a scuola insieme a Marco Germanotta, autore della colonna sonora, si fa portatore, e che l’Itet “Leonardo da Vinci” ha raccolto con entusiasmo, fermamente convinto che la scuola abbia il dovere di sostenere le idee di libertà e di fratellanza universale .

Per ventitrè minuti, Sunday parla di sé sorridendo quasi sempre, con l’azzurro del nostro bellissimo mare sullo sfondo. Quel mare che non ha padroni né confini, e che fa approdare sulle sue sponde tante vite segnate da destini tragici, unite dalla speranza di essere accolte e aiutate. Una volta tanto, la storia di Sunday ha un finale diverso: non racconta di una sconfitta, ma di un riscatto, perché grazie all’aiuto di tante persone il giovane migrante ha trovato in Sicilia una famiglia, nuovi amici e la possibilità di realizzare un percorso di studi inclusivo, che valorizza le sue inclinazioni e mette a frutto le sue competenze.

«Qui all’Itet coltiviamo sogni di inclusione – dichiara con soddisfazione la dirigente Stefania Scolaro – e li realizziamo lavorando affinché i ragazzi imparino a spogliarsi dei pregiudizi e dei luoghi comuni per formare un ambiente preparato ad accogliere chi proviene da culture ed esperienze diverse. Tutti dobbiamo impegnarci per eliminare le barriere e superare gli ostacoli che ci allontanano, anziché unirci, perché siamo tutti “One people, one nation”.


13 aprile 2018 - www.oggimilazzo.it

Gli studenti che hanno partecipato alla competizione

Istituto Da Vinci, otto studenti milazzesi alla finale nazionale Young Business Talent

Ancora un importante risultato messo a segno dall’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo, che ha partecipato alla finale nazionale di Young Business Talent, il concorso organizzato da Nivea in collaborazione con Csr, svoltasi a Milano il 6 aprile scorso. La sfida ha impegnato i migliori studenti italiani nell’elaborazione di attività manageriali complesse riguardanti il marketing e la business administration, avvalendosi del simulatore d’impresa Praxis Mmt. L’Itet “Leonardo da Vinci” partecipa alla gara da ben cinque anni ed ha sempre conseguito ottimi piazzamenti, risultando più volte vincitore assoluto. L’iter di partecipazione al concorso è abbastanza complesso: inizia a novembre e dura fino a marzo, snodandosi attraverso l’inserimento nella piattaforma di ben 113 decisioni “reali” riguardanti la gestione di un’azienda virtuale. Hanno partecipato alla finale due squadre di studenti, seguite dai docenti referenti Achille Greco e Anna Aloi. La squadra “Heart Of Mylae”, composta dagli alunni Pietro Gangemi, Alessio Cuva, Ivan Cosimini e Giuseppe Napoli, ha vinto la finale classificandosi al terzo posto. La seconda squadra, denominata ”Team Leader 00”e formata da Pierluca Ferrara, Chiara Puglia, Miriam Caruso e Jennifer Mestre, si è piazzata in finale alla decima posizione. Una grande soddisfazione per l’Istituto mamertino, che offre agli iscritti dell’indirizzo Sistemi informativi Aziendali un’alternanza scuola-lavoro stimolante e significativa nel settore economico aziendale, al passo con le più innovative leggi del marketing. Pieno apprezzamento è stato espresso dalla dirigente Stefania Scolaro che ha sottolineato come su un totale di 5500 iscritti provenienti da tutta Italia, 3756 abbiamo ottenuto piazzamenti in semifinale e solo 272 alunni provenienti da 48 istituti siano arrivati in finale. Questo prestigioso risultato mostra l’alto livello qualitativo ottenuto dalla scuola grazie anche all’impegno profuso nella valorizzazione delle capacità degli studenti.


04 aprile 2018


30 marzo 2018 - www.oggimilazzo.it

Violenza sulle donne, gli studenti del “Da Vinci” incontrano l’associazione Astrea

Denunciare. E’ ciò che emerge con forza dall’incontro-dibattito che si è svolto nei giorni scorsi nell’aula Magna dell’Itet “Leonardo da Vinci” e che ha coinvolto le classi quarte dell’istituto, riunite per un confronto su un tema dolorosamente attuale: la violenza sulle donne. Due le esperte intervenute, che hanno parlato ai ragazzi di violenza in famiglia, stereotipi di genere, stalking, abusi sui luoghi di lavoro e di tutti i trattamenti discriminatori che le donne subiscono quotidianamente.

Santina Dante, avvocato, esperta in diritto di famiglia e Giuseppa Micale, presidente dell’Associazione Astrea, hanno confermato, dati alla mano, che le vittime che non si rivolgono alle forze dell’ordine corrono rischi ancora maggiori rispetto a quelle che hanno il coraggio di denunciare. Non sempre, però, alla denuncia segue un valido programma di protezione.

Il punto centrale del dibattito ha messo in luce come la violenza di genere sia una questione soprattutto culturale, la manifestazione di una disparità storica nei rapporti di forza tra uomo e donna, che ha portato al dominio dell’uomo sulle donne e alla discriminazione contro di loro, e ha impedito un vero progresso nella condizione femminile.

Solo educando gli uomini al rispetto delle donne e alla gestione delle emozioni, e le donne a non essere psicologicamente dipendenti dagli uomini, rivendicando la propria autonomia in ogni modo e in ogni campo, sarà possibile sconfiggere questo drammatico fenomeno.

L’associazione Astrea si batte non solo per sensibilizzare e far conoscere il problema, ma anche per fornire alle donne un valido sostegno per contrastare la violenza fisica, psicologica e economica. Attiva da alcuni anni nel territorio di Milazzo, elabora azioni di prevenzione e contrasto alle discriminazioni, all’abuso in famiglia e alle forme gravi di sfruttamento cercando di intervenire nell’immediato attraverso consigli, assistenza legale e soprattutto ascolto e comprensione.

Un aiuto importante, in grado di colmare il senso di vuoto che assale una donna vittima di comportamenti violenti o persecutori, perché solo attraverso l’appoggio degli altri si può uscire dal tunnel della violenza.


26 marzo 2018 - www.oggimilazzo.it

 

Sunday Fasasi: ho vissuto l’inferno ma ora sono felice nella “MIA” Sicilia

ISTITUTO LEONARDO DA VINCI. Negli occhi intensi di Sunday splende la luce di chi ha ritrovato qualcosa di fragile e prezioso: la speranza nel futuro. L’aveva persa d’improvviso, un giorno qualunque, quando nella sua Nigeria aveva sperimentato sulla pelle l’intolleranza e la persecuzione. Sunday Fasasi era solo un ragazzino quando i suoi genitori vengono uccisi, e la sua vita, da quel momento, prende una piega tragica. Rimasto solo, affronterà una terribile traversata nel deserto durante la quale si aggrappa alla vita con le unghie e con i denti. Poi l’arrivo in Libia, che non lo accoglie degnamente, anzi, lo costringe di nuovo a fuggire su uno dei  tanti “barconi della morte”. Approderà a Messina, dopo un viaggio terribile, non prima di  vedere morire l’amico con cui era partito. Tante tragedie, troppe, per un ragazzo così giovane. Eppure tutto questo orrore non ha scalfito il suo sorriso.  Perché quando lo incontriamo, a scuola, il nostro compagno Sunday  ci racconta  con gratitudine che in Italia  ha ritrovato la gioia di vivere e vuole rimanere qui per sempre,  per incontrare nuovi amici, lavorare e veder realizzati i propri sogni. «Molti migranti sono solo di passaggio in Sicilia,  vogliono andarsene al nord o all’estero, io voglio restare qui» ci dice nel suo italiano incerto, perché io sono siciliano.  Le sue parole ci colpiscono: quanti di noi manifestano con lo stesso orgoglio il senso di appartenenza ad un terra? E quanti sono in grado di affrontare con coraggio tante vicissitudini  senza soccombere?

Sunday oggi  frequenta l’Itet “Leonardo Da Vinci” di Milazzo e qui da noi  ha trovato una famiglia che lo sostiene e che lo incoraggia a non mollare il suo sogno: diventare un musicista, perché la musica è un linguaggio universale, l’unico in grado di  superare tutte le barriere. Grazie alla musica, Sunday ha potuto trovare una nuova ragione di vita. Parlare con lui è un’esperienza che non lascia indifferenti, anzi colpisce tutti quelli che lo incontrano per  la spontaneità con cui parla di sé, dei suoi progetti e delle sue speranze. Quando il regista messinese Danilo Currò lo incontra per caso a Messina, decide  subito di farne il protagonista del cortometraggio che porta il suo nome: Sunday, un docufilm di ventitré minuti fatto “di parole pesanti e sorrisi leggeri, ventitré minuti in cui un ragazzo non ancora maggiorenne si racconta con semplicità, parlando della sua storia”. Il cortometraggio di Currò ha avuto molto successo, è stato presentato dal regista Gabriele Muccino e ha vinto molti premi. Ed è stato candidato al David di Donatello. Questo ragazzo è una risorsa preziosa per noi tutti, un esempio di coraggio e perseveranza non comuni. Quando gli chiediamo se vuole dirci qualcosa di particolare, lui, con semplicità risponde che vuole ringraziare tutti, ma in particolare Stefania Scolaro, la Dirigente Scolastica dell’ Itet,  per averlo accolto e avergli regalato la torta del suo ventesimo compleanno. Una torta semplice, ma regalata con amore, che esprime l’augurio sincero  che Sunday Fasasi, un ragazzo come noi, possa un giorno dimenticare il passato e  realizzare tutti i suoi sogni.

ARIANNA VICENTINO, FRANCESCA ISGRO’ IV A SIA


21 marzo 2018 - www.oggimilazzo.it

Istituto “Da Vinci”, gli studenti a bordo delle navi del gruppo Caronte&Tourist

L’Istituto “Leonardo Da Vinci” di Milazzo amplia la sua offerta di alternanza scuola-lavoro, siglando una nuova importante convenzione con la Compagnia Armatoriale Siremar, Gruppo Caronte&Tourist. Gli allievi delle classi terze e quarte dell’indirizzo Trasporti e Logistica (ex nautico), accompagnati dai docenti del proprio corso di studi, potranno respirare aria di mare per quasi una settimana, a bordo della M/N Laurana, nei mesi di marzo ed aprile. La tratta di navigazione interessata sarà Milazzo/Napoli A/R, con la possibilità di approfondire nozioni di coperta e studiare il settore degli apparati ed impianti di bordo, coadiuvati dall’esperienza e dalla disponibilità del personale di bordo. Grazie all’attenzione che il Gruppo Caronte&Tourist rivolge ai marittimi italiani e, nella fattispecie a quelli della provincia di Messina, ai ragazzi dell’Itet di Milazzo verrà data l’opportunità di confrontarsi con il personale marittimo operativo nel Mar Tirreno. Al termine del quinto anno verranno donate, ai più meritevoli, diverse borse di studio, nonché un imbarco “apripista” della loro futura carriera lavorativa. L’esperienza, per degli allievi di coperta e macchina nel settore marittimo, costituirà un momento prezioso ed esaltante, che aggiungerà ulteriori “monetine” al salvadanaio culturale di cui i ragazzi, iscritti al nuovo indirizzo di studi operativo a Milazzo, disporranno al termine del loro percorso scolastico.


17 marzo 2018 - www.oggimilazzo.it

 

La squadra di calcio dell'istituto Da Vinci

Campionati studenteschi di calcio, gli studenti del “Da Vinci” conquistano il titolo provinciale

Grande soddisfazione per i risultati ottenuti dalla squadra di calcio dell’Itet Leonardo Da Vinci, che ha letteralmente sbaragliato gli avversari, vincendo con ampio margine tutti gli incontri dei campionati sportivi studenteschi ed aggiudicandosi il titolo di Campione Provinciale 2017/18. La squadra, rappresentata da alunni nati negli anni 2001/02/03, ha visto alternarsi in campo: Devian Balaj, Antonino Gabriele Cambria, Samuel Corso, Antonino Cucinotta, Davide Dama, Andrea Mattia De Gaetano, Joseph Di Bella, Marco Di Bella, Samuele Foti, Pietro Grasso, Massimiliano La Spada, Salvatore Leto, Hamza Lhinet, Gabriele Magistri, Emanuele Pagano, Franco Santamaria, Marco Scolaro, Nunzio Isaia.

Ecco l’elenco delle gare che hanno portato la squadra alla conquista del titolo provinciale: Liceo Spadafora – ITET “Da Vinci” Milazzo: 1-5, ITET “Da Vinci” Milazzo – ITI “Maiorana” Milazzo: 6-1, ITC “Pugliatti” Taormina – ITET “Da Vinci” Milazzo: 1-3, ITET “Da Vinci” Milazzo – IIS BORGHESE- FARANDA Patti: 4-0

Risultati da record, con 18 reti realizzate e solo 3 subite, che dimostrano la qualità, la determinazione e la buona preparazione della formazione calcistica dell’Itet di Milazzo, guidata dagli insegnanti di Scienze motorie dell’istituto.

«I ragazzi sono stati preparati in modo eccellente – precisa la dirigente scolastica Stefania Scolaro – non solo dal punto di vista delle condizioni fisiche e psicologiche individuali, ma anche sotto l’aspetto tecnico-tattico di squadra».

Il prossimo appuntamento sarà la fase interprovinciale del campionato, in data ancora da definire, che vedrà l’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo rappresentare la provincia di Messina.


 

13 marzo 2018 - http://www.lacittadimilazzoblog.it di Francesco D'amico

Quale destinazione per l'area della ex Montecatini?

Le proposte nella conferenza all'ITET

Venerdì 10 marzo si è svolto all’ITET “Leonardo da Vinci” di Milazzo l’incontro di chiusura del progetto “Gli articoli 9 e 42 della Costituzione – un caso emblematico: la destinazione dell’ex area Montecatini”, curato dalla Prof.ssa Fiorella Turano, coordinatrice del lavoro degli alunni dei vari indirizzi della scuola, che si sono avvalsi anche della collaborazione di Italia Nostra per realizzare un “laboratorio di idee” con l’obiettivo di pianificare un utilizzo ecosostenibile della porzione urbana ove un tempo era attiva la fabbrica Montecatini.

Sono intervenuti, in qualità di relatori – assieme alla Dirigente scolastica Stefania Scolaro e alla prof.ssa Turano -, il presidente della sezione cittadina di Italia Nostra, dott. Guglielmo Maneri; l’assessore ai Beni Culturali del Comune di Milazzo, dott. Salvo Presti; l’architetto Domenico Mollura, di Italia Nostra; il prof. Filippo Grasso, docente universitario di Analisi del Mercato; e il dott. Rosario Gugliotta, presidente di ‘Slow Food Sicilia’.

La Preside Scolaro ha ricordato, in apertura, l’appassionato coinvolgimento degli alunni in un cammino progettuale che li ha visti impegnati proficuamente e con entusiasmo per mesi, e che ha dato loro la possibilità di mettere a frutto le competenze specialistiche dei diversi indirizzi didattici. “Sono riusciti – ha detto – ad elaborare idee innovative per produrre qualcosa che rimanga nel tempo e che possa costituire un viatico per la loro futura professionalità”. Aggiungendo che “bisogna sempre investire risorse nelle scuole e nei giovani, e trarre linfa vitale dalle iniziative dei ragazzi; guardando alla dimensione locale dei problemi e alle numerose opportunità offerte dall’Europa”.

“Gli studenti stanno analizzando un caso concreto ed emblematico – le parole della prof.ssa Turano, responsabile del progetto -. L’area in questione, con diverse proprietà suddivise tra pubbliche e private, è oggetto di un vincolo di archeologia industriale, da cui non si può prescindere per qualunque ipotesi di riqualificazione”. “A fronte di un investimento milionario da parte di un gruppo di privati (la “Caronte & Tourist S.p.A.”, ndr), quali soluzioni si prospettano per il futuro dei nostri giovani?”. Un interrogativo che la docente ha collocato al centro del dibattito.

Il dott. Maneri, nel ricordare la proposta dei ‘Giardini di Federico’ avanzata da Italia Nostra (anche in un’ottica di rilancio del vivaismo locale), ha ribadito il concetto, già espresso precedentemente, secondo cui “la proprietà privata dev’essere rispettata, ma, al contempo, deve trovare la sua ragion d’essere nell’incontro con l’interesse pubblico della città”. “Si tratta – ha spiegato il presidente di Italia Nostra – di un luogo di ingresso nella nostra città, usato come parcheggio dai turisti diretti alle Eolie. Se, invece, quest’area diventasse uno spazio aperto per una città accogliente, basato su progetti condivisi che tengano conto delle attività economiche tradizionali, nonché un punto di informazione e promozione del patrimonio ambientale e culturale cittadino, con verde pubblico attrezzato per lo sport e spazi dedicati alle attività culturali, espositive e scientifiche, da cui poter rilanciare il turismo dei convegni e l’enogastronomia (settore trainante in Italia), quanta occupazione e sviluppo si potrebbero creare? Un’utopia che consentirebbe di recuperare edifici storici e un suolo urbano molto ben collegato con la città e il suo mare”.

Una ricca rassegna di esempi di recupero di ‘vuoti urbani’ e buone pratiche è stata effettuata dall’arch. Mollura. Cominciando dal Bacino della Ruhr, in Germania, rilanciato nel 1999 come Parco minerario tramite un programma di natura pubblica, con la partecipazione della comunità locale. Il professionista, dopo aver citato il mancato raggiungimento, in Italia, degli obiettivi contenuti nel disegno di legge n. 1836/2015 (recante “Misure per favorire la riconversione e riqualificazione delle aree industriali dismesse”, che prevedeva pure incentivi alle bonifiche), è passato ad analizzare le esperienze di riqualificazione del Lingotto di Torino (2003), del Museo di Arte Contemporanea di Roma (ex mattatoio comunale nel quartiere Testaccio), il recupero della Darsena di Ravenna e, per quanto riguarda la Sicilia, i Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, Le Ciminiere di Catania e l’ex Tonnara Florio a Favignana (che nel 2017 ha registrato un flusso record di 65.000 visitatori). Per finire con ‘La Periferica’ di Mazara del Vallo, rivalorizzata grazie a “un network di persone, imprese e istituzioni che ha visto il cittadino protagonista dei processi partecipativi e delle trasformazioni urbane: un progetto che si allinea a quello proposto dalla scuola, perché anche lì è stata la società civile a promuovere il cambiamento”.

Per il prof. Filippo Grasso, economista, “è possibile una rigenerazione dell’uso del territorio che coniughi bellezza e ricchezza economica”. Secondo l’analisi del docente, “il turismo produce ricchezza nella misura in cui la comunità locale riesce ad essere produttiva”, purché dotata di “adeguati strumenti operativi”. “Cogliere le possibilità della legge regionale sull’ecomuseo – l’invito del docente -, in cui rientra l’adozione di un Piano comunale di Ecomuseo; seguire, in generale, una politica dei piccoli passi, con spirito propositivo, mettendo a sistema il territorio e cercando di essere competitivi con i mercati internazionali”. Inoltre, grazie all’imposta di soggiorno, sarebbe possibile “finanziare l’attività dei ‘tour operator’”, istituendo la figura professionale della guida eco-turistica. “Un ecomuseo, per poter funzionare, deve diventare uno strumento attrattivo in città, valorizzando le peculiarità identitarie del territorio”.

L’assessore Salvo Presti ha posto l’accento sulla necessità di indagare a fondo il contesto storico della realtà nella quale si programma di intervenire. “Conoscere la storia e comprendere il presente” il messaggio rivolto alla comunità milazzese. “Dobbiamo capire di cosa parliamo e cogliere il senso della buona pratica culturale nella contemporaneità”. “Confrontarsi con la storia e col nostro presente per individuare le buone pratiche da attuare”, considerando anche l’imprescindibile rapporto con la tecnologia: “C’è un tema dell’innovazione tecnologica che ci insegue e che non può più essere ignorato in tema di buone pratiche culturali”. A tal proposito, l’assessore ha ricordato la positiva esperienza del sud-est della Sicilia, dove il barocco è stato salvato dai tentativi di “stupro edilizio” grazie alla presa di coscienza delle comunità locali, maturata innanzitutto su un piano culturale. Accennando, poi, alla situazione del nostro comprensorio, ha fatto notare che è mancata, finora, l’adozione di un Piano del Colore a livello comunale: infatti, in molte zone “ogni casa è diversa dall’altra”. Citando, per converso, l’armonia urbanistica delle località portoghesi, “un equilibrio architettonico che fa bellezza ai nostri occhi”.

“Che tipo di prodotto vendiamo e a chi?” esorta a riflettere l’assessore Presti; rammentando che la clientela turistica a Milazzo è composta, prevalentemente, da francesi, tedeschi e inglesi. Per concludere col suggerimento di un ordine di priorità da seguire in tema di intervento sul patrimonio storico e culturale: “Prima di parlare di valorizzazione, dobbiamo pensare alla tutela e al restauro dei beni culturali”. Un passaggio che si profila indispensabile per la nostra città.

“Milazzo offre dei contesti da paradiso terrestre – l’intervento del dott. Gugliotta -, che noi uomini abbiamo reso un inferno. L’area dell’ex Montecatini, secondo me, presenta un karma positivo: nel senso che qualunque proposta in contrasto con la sua vocazione alla fine non è stata attuata. Bisogna creare posti di lavoro sostenibili: abbiamo una zona col bitume, quella dell’ex tracciato ferroviario, da poter utilizzare come fonte di servizi; un’altra con la terra, da non riempire, per mantenere la terra stessa e valorizzarla. Dove c’era la stazione, invece, si potrebbe creare la porta d’ingresso di Milazzo. Questa è la parte di proprietà del Comune, il quale potrebbe esercitare così un’azione di stimolo per il privato, inducendolo ad intervenire per riqualificare. Il privato ha un bene immobilizzato (il terreno dei capannoni), che rappresenta per lui un costo, e sarebbe più spronato ad agire a seguito dell’intervento della parte pubblica”.

“Il 73% di tutto il turismo passa attraverso l’enogastronomia – prosegue il presidente di ‘Slow Food Sicilia’-. Milazzo potrebbe diventare il polo del turismo enogastronomico nel Valdemone, recuperando la cultura del cibo, senza dimenticare che l’enogastronomia deriva dall’agricoltura e dalla pesca, altri settori da rilanciare. Il valore del cibo vero, quello di ‘prossimità’, è dato dal rapporto con il territorio. Vedo Milazzo come futura capitale enogastronomica del Valdemone”. Auspicio che sentiamo di condividere.


 

 

08 marzo 2018


08 marzo 2018 - http://www.lacittadimilazzoblog.it di Francesco D'amico

Palazzo dei Vicerè: Scende in campo l’ITET “Leonardo da Vinci” di Milazzo

Nella mattinata del 6 marzo, gli alunni della V A del corso Costruzioni Ambiente e Territorio (o, per brevità, Geometri) dell’ITET “Leonardo da Vinci” di Milazzo, diretto dalla preside Stefania Scolaro, sono stati accompagnati dal docente ing. Giuseppe D’Amico in una visita guidata al Palazzo dei Viceré e dei Governatori, sito al Borgo in via G. Rodriguez-D’Amico, per l’effettuazione di un sopralluogo finalizzato all’elaborazione di un progetto di recupero di tale bene, in un’ottica di riqualificazione complessiva del patrimonio storico-architettonico milazzese.

Un’iniziativa che mira a sensibilizzare gli studenti sulla conoscenza e la valorizzazione dei beni culturali comunali, nata nell’ambito di un percorso, già avviato dall’ing. D’Amico con la progettazione del comparto edificatorio, compreso tra la via Pescheria e Piano baele, nel quadro delle previsioni del PRG del centro storico.

L’obiettivo, in questa fase iniziale, è quello di progettare la messa in sicurezza, dal punto di vista statico e del risanamento conservativo, del pregevole edificio – costruito a partire dal 1600 -, per poi procedere alla stima dei costi e alla redazione di un progetto esecutivo di riqualificazione, da proporre alla Comunità Europea ai fini del finanziamento.

Secondo l’ingegnere-docente, il bene in questione dovrebbe rivestire un ruolo preminente all’interno di un percorso virtuoso di rilancio dell’offerta turistico-culturale, con finalità variegate (tra cui quella museale); un circuito che comprenda anche la Città Murata, la Chiesa di San Francesco, Palazzo D’Amico, il Capo ecc.

Grazie alla meritoria opera della Dirigente Stefania Scolaro, l’ITET “da Vinci” è da anni in prima linea in un’azione d’impulso per la promozione e tutela dei beni comuni della città. Un’azione che fa della scuola un centro all’avanguardia nella diffusione di conoscenza e nello sviluppo di proposte per rendere sempre più qualificata sul piano culturale ed ecosostenibile l’economia dell’intero comprensorio milazzese. Provvederemo ad aggiornare con successivi articoli l’avanzamento dell’iter progettuale di questa e di altre iniziative analoghe che la scuola ha in cantiere.


04 marzo 2018 - www.oggimilazzo.it

La premiazione con la consegna degli attestati di merito

Giochi Matematici, al “Leonardo da Vinci” la finale provinciale più numerosa d’Italia

È stata la finale provinciale più numerosa d’Italia: 547 alunni di varie età, suddivisi in otto categorie, dalla terza classe della Primaria alla seconda classe della Secondaria di Secondo Grado, provenienti da ben 35 istituti. Un record, specie se pensiamo che gli alunni in questione sono stati selezionati tra 200.000 studenti iscritti ai “Giochi Matematici del Mediterraneo”, gara organizzata dall’Aipm (Associazione Italiana per la Promozione della Matematica) con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Palermo e del Dipartimento di Matematica e Informatica della stessa Università.

Le selezioni si sono svolte il 23 e il 27 febbraio nei locali dell’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo, interamente mobilitato per assicurare la buona riuscita della manifestazione. Sono risultati vincitori i primi tre classificati di ogni categoria, dalla P3 (scuola primaria) alla S5 (scuola secondaria di secondo grado) per un totale di 24 studenti. Gli studenti classificati alla quarta e quinta posizione delle categorie S4 e S5 e il quarto classificato della categoria S2, non sono stati premiati, ma hanno conquistato il diritto a partecipare alla finale nazionale.

I vincitori dell’edizione 2017/2018 sono:

Categoria P3: 1) Matteo Maria Ricciardello  I.C. Brolo; 2) Michele Ciccola  dell’I.C. Terzo Milazzo; 3) Marco Gangemi  I. C. “Manzoni-Dina e Clarenza” di Messina.

Categoria P4: 1) Simone Ceraolo  I.C. “Luigi Pirandello” di Patti; 2) Andrea Gargano  I.C. Primo Milazzo; 3) Andrea Zagarella  – I.C. “Pascoli-Crispi” di Messina.

Categoria P5: 1) Maria Contenta  I.C. Brolo; 2) Domenico  Raimondi I.C. Primo Milazzo; 3) Sara Ampelli  I.C. “Santa Margherita” di Messina.

Categoria S1: 1) Rachele Scaffidi Lallaro  I.C. Brolo; 2) Michele Alfano  I.C. Primo Milazzo; 3) Francesco Gualniera  I.C. “Boer-Verona Trento” di Messina.

Categoria S2: 1) Sofia Pirri I.C. Torrenova; 2) Aurora Lazzaro  I.C. Brolo; 3) Mark Cento I.C. Primo Milazzo; 4) Claudio Russo  I.C.1 “Ugo Foscolo” di Taormina.

Categoria S3: 1) Dario Sanfilippo  I.C. “Pascoli-Crispi” di Messina; 2) Aurelio Gaeta  I.C. 11 – Gravitelli; 3) Enzo Sberna  I.C. Torrenova.

Categoria S4: 1) Gabriele De Luca  I.I.S “Caminiti Trimarchi” di Taormina; 2) Riccardo  Maiorana I.I.S. ”G.B. Impallomeni” di Milazzo 3) Matteo Ricciardi  I.I.S. “L. Piccolo” di Capo d’Orlando; 4) Daniele Galvagno  I.I.S. “L. Piccolo” di Capo d’Orlando; 5) Graziana Di Grande  I.I.S. “Caminiti Trimarchi” di Taormina.

Categoria S5: 1) Alberto Migliorato  L.S. “Archimede” di Messina; 2) Francesco Raneri L.S. “Archimede” di Messina; 3) Michael Artino  I.I.S. “L. Piccolo” di Capo d’Orlando; 4) Eugenio Nicotina  L.S. “Archimede” di Messina; 5) Alex Pagano  I.I.S “Caminiti Trimarchi” di Taormina.

Soddisfazione è stata espressa dalla dirigente, Stefania Scolaro, che ha sottolineato come «Disputare una finale come questa sia stata una vera e propria sfida che ha coinvolto tutte le componenti dell’istituto ed in particolare il professore Gentile, referente dei giochi, e gli alunni che hanno come sempre offerto agli ospiti una valida accoglienza ed una preziosa collaborazione per la buona riuscita della manifestazione. Grazie all’impegno di tutti, che si sono prodigati per assistere e coordinare tutte le fasi della gara, siamo riusciti a gestire con successo una competizione dai numeri davvero eccezionali».

Sabato 3 marzo, alle 10, nell’Aula Magna dello stesso Istituto, si è svolta la cerimonia di premiazione con la consegna degli attestati di merito e delle medaglie ai primi tre classificati.

Gli alunni vincitori e quelli selezionati potranno accedere alla Finale Nazionale che si disputerà a Palermo il prossimo 22 aprile, un appuntamento da non perdere per i “matematici in erba”.


Milazzo. Corso serale per "Costruzioni, Ambiente e Territorio" all'Itet da Vinci

Scritto da La Redazione il 01 Marzo 2018

 

L’ITET “Leonardo da Vinci” di Milazzo, guidato dalla Prof.ssa Stefania Scolaro, arricchisce la sua offerta formativa aprendosi alle istanze della comunità grazie al corso serale di “Costruzioni, Ambiente e Territorio” e alla nuova articolazione di “ Logistica”, che completa l’indirizzo ”Trasporti e Logistica”.

Il nuovo percorso di “Costruzioni, Ambiente e Territorio”, per il quale sono già aperte le iscrizioni, estende a un’utenza adulta i contenuti già proposti in orario diurno agli allievi dell’istituto, adeguando il monte ore settimanale da lunedì a venerdì al 70% di quello mattutino, per una durata complessiva di cinque anni di scuola. Possono già iscriversi e frequentare in orario pomeridiano dal prossimo Settembre : lavoratori, studenti di età superiore ai 16 anni , giovani e adulti stranieri che vogliono completare il percorso scolastico e conseguire un titolo di studio che può soddisfare pienamente le loro esigenze di formazione per ulteriori prospettive di lavoro.

Il corso serale valorizza le esperienze scolastiche e lavorative già svolte dagli allievi , sia riconoscendole sotto forma di crediti formativi sia nella trattazione dei contenuti proposti. Si profila , pertanto, un nuovo modo di affrontare l’istruzione, allontanandosi dal mero nozionismo in favore di una didattica maggiormente orientata alla valorizzazione di un sapere contestualizzato alle realtà di riferimento e perciò avvertito come più utile e interessante.

“Logistica” rappresenta la seconda importante novità ed integra il già ricco curriculum di “Trasporti e Logistica”, introducendo le competenze relative alla gestione e al controllo di tutti gli aspetti organizzativi legati al trasporto aereo, marittimo e terrestre di passeggeri e merci, garantendo al contempo il rispetto di tutte le normative di sicurezza vigenti. La figura professionale che emerge al compimento dei cinque anni è efficacemente spendibile in una molteplicità di campi, tra i quali emerge il settore industriale che, per operare in un mercato globale, necessita di una rete di trasporti sicura ed efficiente. Si profila dunque una nuova possibilità lavorativa moderna e interculturale, legata agli aspetti tecnici dei sistemi di trasporti e costituisce una risposta alla perdurante crisi occupazionale ed economica.

Entrambi i corsi, attivi a partire dall’a.s. 2018/19, rappresentano un ulteriore motivo di vanto per l’Istituto tecnico Leonardo da Vinci poiché introducono formule di apprendimento, quali la formazione permanente e il nuovo percorso della Logistica, limitate a poche scuole sparse sul territorio nazionale, costituiscono quindi un’eccellenza nel panorama scolastico italiano, dal momento che ben interpretano le nuove esigenze di una società in cambiamento, sempre più votata alla specializzazione e alla vocazione internazionale.

“Grazie alle nuove proposte” ha affermato il Dirigente Scolastico, “il nostro Istituto è in grado di dare una risposta più puntuale ad una realtà sempre più dinamica e diversificata quale è quella del nostro comprensorio, sostenendo il desiderio dei giovani e di chiunque voglia migliorare le proprie conoscenze con un titolo di studio spendibile nel mercato del lavoro caratterizzato da cultura ma anche da cooperazione e attenzione al valore del singolo. Ritengo, infatti , che ogni studente abbia qualità, motivazioni e aspirazioni che lo rendono unico ed il nostro compito è quello di valorizzare le differenze ed assecondare i bisogni formativi di ciascuno e di aiutare i loro sogni a divenire realtà”.


28 febbraio 2018


26 febbraio 2018 - www.oggimilazzo.it

La consegna dei caschi protettivi da parte della Ram

Istituto da Vinci, i caschi gialli arrivano dalla Ram

Oggi nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Economico Tecnologico “Leonardo da Vinci” di Milazzo, gli alunni dell’indirizzo Costruzioni Ambiente e Territorio, hanno ricevuto da Salvatore Foti, rappresentante della Ram di Milazzo, i dispositivi di protezione individuale (caschetti protettivi), che verranno utilizzati nelle visite di cantiere nel territorio e nelle attività di alternanza scuola lavoro previste nel piano dell’offerta formativa. «Un grazie – ha detto il dirigente scolastico Stefania Scolaro – va a Salvatore Foti ma soprattutto, il responsabile del personale Luca Franceschini, per la gentile concessione». La dirigente ha inoltre sottolineato l’importanza dell’apertura della scuola verso le industrie del territorio, per meglio preparare gli studenti ad affrontare un mondo e un mercato del lavoro in continua evoluzione. «Il contatto diretto con le imprese del territorio – conclude Stefania Scolaro – risulta un momento chiave per gli studenti, per mettere alla prova le proprie potenzialità, capire i propri interessi e, soprattutto, per mettere in campo le conoscenze e le competenze acquisite durante il corso di studi».


21 febbraio 2018 - www.oggimilazzo.it

Giochi Matematici del Mediterraneo, la finale provinciale all’Istituto Da Vinci

I numeri dell’edizione 2017/2018 sono incredibili: più di 200.000 alunni si sono iscritti ai “Giochi Matematici del Mediterraneo”, gara organizzata dall’Aipm (Associazione Italiana per la Promozione della Matematica) con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Palermo e del Dipartimento di Matematica e Informatica della stessa Università. La Finale Provinciale di Messina stabilisce anche quest’anno il record di finale più numerosa d’Italia con i suoi ben 547 alunni provenienti da trentacinque istituti e suddivisi in otto categorie, dalla terza classe della Primaria alla seconda classe della Secondaria di Secondo grado. L’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “Leonardo da Vinci”, visti i successi delle passate edizioni, anche quest’anno è stato scelto dall’Aipm come scuola ospitante la Finale Provinciale e l’Istituto milazzese diretto dalla preside Stefania Scolaro ha raccolto la sfida, mettendo in moto la già collaudata macchina organizzativa.

Le prime due fasi dei giochi si sono svolte nei mesi passati nelle singole scuole partecipanti ed hanno consentito di selezionare i migliori alunni della provincia: la Finale Provinciale è ora l’ultimo ostacolo per accedere alla Finale Nazionale che si disputerà a Palermo il prossimo 21 aprile. L’appuntamento per i “matematici in erba” è fissato nei locali del “Leonardo da Vinci” alle 8.30 del prossimo 23 febbraio, mentre nel pomeriggio nell’Aula Magna delle stesso Istituto si svolgerà la cerimonia di premiazione dei vincitori con la consegna degli attestati di merito e delle medaglie ai primi tre classificati.


29 gennaio 2018 - www.oggimilazzo.it

All’ITET conferenza sulla ex Montecatini, interventi degli arch. Terranova e Vinci

L’iter della proposta progettuale elaborata dagli alunni dell’ITET “Leonardo da Vinci” di Milazzo, coordinati dalla Prof.ssa Fiorella Turano, in collaborazione con Italia Nostra, volta al recupero del vuoto urbano rappresentato dall’area ex Montecatini di Ciantro, è giunto al terzo appuntamento pubblico, giovedì 25 gennaio, nell’Aula Magna dell’Istituto diretto dalla Preside Stefania Scolaro, con le relazioni dell’Arch. Cono Terranova (Italia Nostra) e della Dirigente della Soprintendenza di Messina, Arch. Mirella Vinci (a tale ente si deve il vincolo storico ed etnoantropologico posto su quell’area nel 1998).

Nel corso dei saluti introduttivi, la Preside Scolaro ha espresso grande soddisfazione per il proficuo percorso che vede protagonisti i suoi studenti, con il supporto di Italia Nostra, finalizzato a ‘seminare idee’ per rivitalizzare un bene collettivo che potrebbe diventare il volano per una rinascita sociale e culturale del comprensorio milazzese. Gli articoli 9 e 42 della Costituzione sono i fari normativi che illuminano tale cammino, come si apprende dalle parole della docente Avv. Fiorella Turano: “L’articolo 9 fa riferimento all’identità di un popolo: siamo circondati da risorse che ci appartengono e che abbiamo il compito di proteggere. L’articolo 42 contiene invece un riferimento alla funzione sociale della proprietà, da cui discende il dovere, per ogni singolo proprietario, di tener conto dell’interesse dell’intera comunità”.

Dal ciclo di incontri dedicati all’area ex Montecatini sono emersi, secondo le parole del Dott. Guglielmo Maneri, presidente della locale sezione di Italia Nostra, importanti spunti di riflessione che “ci spronano ad un impegno di alta qualità per la salvaguardia di quella che definisco la grande bellezza del nostro territorio”.

L’Arch. Cono Terranova immagina l’area ex Montecatini come una “fabbrica di idee per la città”: “La politica e la società civile – ha detto – vivono una fase di sonnolenza e distrazione, caratterizzata dalla mancanza di idee per dare alla città una direzione nuova e una corretta impostazione. Il colpevole abbandono in cui versa la zona in oggetto è l’anticamera della perdita del bene vincolato. Progetti ‘calati dall’alto’ e interventi ‘decisi altrove’, per interessi certamente estranei alle vocazioni del territorio, rappresentano un rischio, sull’esempio, ben presente e attivo, degli impianti della raffineria, il cui impatto ambientale supera i confini milazzesi; o del temibile progetto di un inceneritore di rifiuti solidi urbani, presentato sotto le forme di un termovalorizzatore pulito e innocuo. O, ancora, del ‘Polo Urbano di Stoccaggio e Movimentazione Merci’ (un ‘HUB’, cioè un’area intermedia di servizio) previsto nell’ex Area Montecatini, l’area del ‘Progetto ITET’”.

“Il vuoto progettuale favorisce le speculazioni” il pensiero dell’Arch. Terranova, il quale auspica un impegno sempre maggiore dei giovani, che dovrebbero farsi promotori di “una prospettiva diversa per il territorio”. Al fine di “contrastare i ricorrenti tentativi di violazione dell’ambiente”, il relatore propone una virtuosa raccolta differenziata (“che renderebbe inutili gli inceneritori”) e, soprattutto, un’opera di “promozione della conoscenza della storia della città, della cultura e delle peculiarità identitarie del territorio”, nonché una crescente “sensibilizzazione sui temi della tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico di Milazzo e dei centri della Piana, sviluppando ogni forma di attenzione sulla vulnerabilità delle risorse naturali (acqua, verde, aria pulita, mare) e sulla loro limitata ed esauribile disponibilità; opponendo progetti alternativi, condivisi, partecipati e fondati sulla conoscenza dei reali bisogni”. “Carlo Azeglio Ciampi definiva l’articolo 9 come il più originale della nostra Costituzione. Occorre – ha aggiunto – una ben fondata utopia basata su questo straordinario articolo a tutela del paesaggio. Oggi, grazie alla riforma del ‘Titolo V’, anche l’ambiente, l’ecosistema ed i beni culturali ricevono una tutela specifica (nuovo art. 117)”. La promozione di una maggiore conoscenza dei contenuti della Città Murata, il recupero della “memoria dell’acqua” (torri dell’acqua, ‘sene’, pantani, pozzi della Piana), la valorizzazione del verde in città (aree del Borgo, ‘Giardini di Federico’), la diffusione di orti urbani, costituiscono, nella visione dell’Arch. Terranova, tasselli indispensabili per giungere ad una piena armonizzazione delle nostre risorse culturali e ambientali.

“Il valore urbanistico di un buon progetto si misurerà con la sua capacità di stimolare innovazioni abitative ecocompatibili in tutta la città, dal Ciantro alla Città Murata, anche per superare le soglie dell’antica ‘Città tripartita’” ha affermato in conclusione l’esponente di Italia Nostra.

A seguire, l’intervento dell’Arch. Mirella Vinci. “Perché apporre un vincolo?” si è domandata la Dirigente della Soprintendenza, evidenziando il significato etimologico del termine (dal latino ‘vinculum’, ‘legame’). “Il vincolo è l’atto finale di una serie di ragionamenti sulla tutela di un bene e sulla necessità di salvaguardarlo e trasmetterlo” ha spiegato, precisando che “nessuna azione di tutela può essere esercitata se non prima si conosce in modo approfondito il bene sul quale si pensa di intervenire”. Il ‘Codice Urbani’ del 2004 contiene la disciplina della delicata materia: esso garantisce “una tutela preventiva a tutti i beni che sono pubblici e che abbiano almeno settant’anni” e “impone una verifica dell’interesse culturale per quanto concerne le richieste dei privati”. “Molti privati – ha proseguito l’Arch. Vinci – ci chiedono ultimamente di apporre vincoli, grazie anche ad una serie di agevolazioni fiscali previste dalla legge. Prevenzione e manutenzione sono anch’essi concetti presenti nel Codice (assieme a quelli di fruizione e valorizzazione), da cui deriva l’obbligo, per i privati e lo Stato, di garantire la conservazione e la sicurezza dei beni culturali di loro appartenenza (art. 30). Non bisogna considerare il bene solo come uno strumento per fare economia, dobbiamo invece guardarci intorno e ‘pensare’ il paesaggio con il cuore, in modo creativo; cercando di stabilire sinergie, nel macrocosmo della tutela, tra amministratori pubblici, politici, accademici e privati, fondando una nuova relazione tra uomo e patrimonio culturale. Il termine patrimonio (dal latino ‘pater’ = padre e ‘munus’ = dovere; dunque letteralmente ‘dovere del padre’) implica, appunto, un impegno attivo alla tutela”. Per quanto riguarda, nello specifico, l’area ex Montecatini, “è opportuno che le trasformazioni individuino nuove funzioni e affrontino una dicotomia tra conservazione e innovazione, all’interno di un progetto che abbia risonanza territoriale”. Infine, un cenno all’innovativa disciplina introdotta dalla Convenzione di Faro (Portogallo) del 2005, che “riconosce una responsabilità individuale e collettiva nei confronti di quella che viene chiamata ‘eredità culturale’ e definisce ‘comunità di eredità’ tutte le componenti del corpo sociale”. Per concludere con l’invito: “Ogni singolo cittadino è chiamato a partecipare alla missione di tutela”.


28 gennaio 2018 - www.oggimilazzo.it

Foto di gruppo dei primi classificati

Istituto Da Vinci, ritorna la gara “Sfide di Fibonacci”. Ecco i nomi dei vincitori

Si è conclusa venerdì 26 gennaio la fase finale delle “Sfide di Fibonacci”, la competizione organizzata dall’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo, giunta alla sua seconda edizione. La sfida di quest’anno ha visto crescere il  numero degli alunni partecipanti: trecento suddivisi in 17 squadre.  Gli studenti, provenienti dalle Scuole Secondarie di 1 grado della provincia di Messina, hanno affrontato quesiti di Economia, Logica e Cittadinanza in modalità on line.

I secondi classificati

Ecco i nomi dei vincitor. Al primo posto “Los Fantasticos 23” dell’Istituto Comprensivo II di Milazzo; al secondo posto “ I Pi greco” dell’Istituto Comprensivo “Leonardo da Vinci” di Villafranca Tirrena e al terzo posto, la squadra “Marconi” dell’Istituto Comprensivo “G. Marconi” di Pace del Mela.

I terzi classificati

Le “Sfide di Fibonacci”, che hanno riscosso un notevole successo, mirano a promuovere la partecipazione e a valorizzare l’impegno degli studenti del nostro territorio, nello spirito di una sana competizione. «Gare di questo tipo – sottolinea Stefania Scolaro, la dirigente scolastica  dell’Itet Leonardo da Vinci – costituiscono  un’occasione preziosa per stimolare le competenze dei ragazzi e per abituarli a mettersi in gioco, anche in vista delle prove ministeriali invalsi che dovranno svolgere on line». Singolare e molto apprezzata l’iniziativa di far leggere, nell’Aula Magna dell’Istituto, i nomi dei vincitori da due ragazzi abbigliati in costumi d’epoca, che hanno rievocato le figure di “Leonardo da Vinci” e “Monna Lisa”.  “Il Grande Leonardo”, il cui spirito di ricerca e innovazione ben rappresenta  l’Itet di Milazzo, ha auspicato che dalla competizione possano scaturire nuovi geni nei vari campi del sapere.


23 gennaio 2018 - www.oggimilazzo.it

I ragazzi della rete “Primaire en Français"

Leonardo Da Vinci, con “Primaire en Français” gli alunni diventano animatori didattici

All’Istituto Leonardo Da Vinci si sperimentano progetti di apprendimento flessibili e integrati che, rovesciando il tradizionale rapporto docente-discente, costituiscono una vera e propria sfida formativa. Per questo motivo la scuola capofila della rete “Primaire en Français”, l’Istituto Comprensivo.”Maredolce” di Palermo, ha ottenuto il Label, un riconoscimento europeo per progetti innovativi nel campo dell’insegnamento delle lingue straniere.

Il progetto, supportato dall’Anils, l’Associazione Nazionale Insegnanti di Lingue Straniere, e dall’Afs, Association Francophone de Sicile, è portato avanti da cinquanta scuole pubbliche della Regione Sicilia collegate in rete. L’obiettivo è quello di realizzare un sistema formativo integrato e di potenziare il servizio sul territorio, prevedendo la formazione di insegnanti della Scuola dell’Infanzia e Primaria e la realizzazione di progetti di Alternanza scuola-lavoro.

L’iniziativa, che riguarda lo studio della lingua francese, porterà alla formazione di animatori didattici d’eccezione: gli alunni delle classi IV A, B e C della Sezione Turistica dell’Istituto “Leonardo Da Vinci”, che avranno la possibilità di acquisire competenze spendibili nel mercato del lavoro. Seguiti dai docenti referenti, un gruppo di allievi dell’Itet affiancherà le maestre della Scuola Primaria dal punto di vista linguistico, allo scopo di realizzare moduli Clil in lingua francese, ma anche per sperimentare attività ludico-ricreative.

Gli incontri di formazione sono tenuti da docenti esperti come Tindara Martina De Pasquale, presidente dell’Anils, della sezione di Barcellona P.G., e da altri formatori Anils (Mariella Rossitto, Maria Bartolone, Cettina Scardino, Angela Garufi e Maria Scolaro). Le scuole ospitanti, che accoglieranno gli allievi formatori/animatori del “Leonardo da Vinci”, sono: l’Istituto Comprensivo Primo Milazzo e l’Istituto Comprensivo “P.Galluppi” di Santa Lucia del Mela.

“Primaire en Français” prevede due fasi: una teorica e una successiva fase a diretto contatto con gli alunni della Scuola Materna e Primaria. Tale attività pratica, che conclude la formazione teorica, si configura come una prestigiosa esperienza di alternanza scuola-lavoro, confermando ancora una volta la vocazione interculturale dell’Istituto.


 

 


17 gennaio 2018 - www.siciliaoggi.com

Istituto "L. Da Vinci" di Milazzo: gli studenti del Nautico in navigazione con Grimaldi Lines per stage formativo

Gli studenti del Nautico dell’Istituto “L. Da Vinci” di Milazzo hanno navigato per otto giorni a bordo della Cruise Barcellona, nave passeggeri  della Grimaldi Lines, in servizio tra Civitavecchia – Porto Torres- Barcellona, nell’ambito del progetto Alternanza – Scuola – Lavoro. “Grimaldi Educa”, Navigando Si Impara, è il progetto della Compagnia Grimaldi Lines dedicato alla formazione dei giovani studenti delle scuole secondarie, inferiori e superiori cui ha aderito l’Istituto Tecnico ” L. Da Vinci” di Milazzo. L’obiettivo del progetto è chiaramente supportare gli studenti nell’orientamento professionale. A partecipare a questo validissimo stage formativo gli alunni di tre terze e una quarta classe per un totale di trentotto studenti accompagnati e guidati da quattro insegnanti. Durante gli otto giorni di navigazione, a bordo, i ragazzi hanno svolto diverse attività fondamentali per l’approfondimento dei loro studi, tra cui la familiarizzazione  con le attività svolte sulla nave,  in plancia e sala macchine. A bordo, gli studenti milazzesi, hanno partecipato anche a corsi di potenziamento della lingua inglese. Al termine dello stage è stato consegnato ad ogni studente un attestato di partecipazione.


17 gennaio 2018 - www.oggimilazzo.it

Orientamento, le date per visitare l’istituto Leonardo Da Vinci

Si è concluso sabato scorso il primo degli Open Days organizzati dall’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “Leonardo da Vinci” di Milazzo. Il 13 gennaio 2018 il dirigente scolastico Stefania Scolaro, i docenti e gli studenti hanno incontrato per l’intera giornata alunni e famiglie allo scopo di illustrare la proposta formativa della scuola per il successivo anno scolastico. Le altre date stabilite per gli incontri sono il 20 e il 27 gennaio, dalle 9:30 alle 13 e dalle 15:30 alle 18:30: tre appuntamenti importanti per far conoscere in maniera approfondita i diversi indirizzi e le articolazioni presenti nell’Istituto. «I sette indirizzi  – spiega la preside – “Amministrazione, Finanza e Marketing“, “Sistemi informativi aziendali” e “Turismo” per il settore economico; “”Informatica e Telecomunicazioni”, “Costruzioni Ambiente e Territorio”, “Grafica e Comunicazione” e “Trasporti e Logistica(Nautico)” per il settore tecnologico, sono percorsi moderni e articolati che corrispondono pienamente alle richieste del mondo produttivo ed imprenditoriale. Ogni indirizzo è caratterizzato da una didattica innovativa in grado di fornire competenze specifiche spendibili sia nel campo lavorativo di riferimento che nel prosieguo degli studi universitari e/o accademici». Durante gli Open Days, ragazzi e famiglie possono visitare i moderni laboratori e tutti gli spazi di cui l’Itet, considerato dalla Fondazione Agnelli (Eduscopio) il miglior istituto tecnico per il settore economico per Messina e provincia. Tra le attrezzature in dotazione della scuola, le aule-laboratorio di Fotografia, di Cartografia e Navigazione, le aule di Informatica e Autocad, i Laboratori linguistici, una biblioteca aperta al prestito con migliaia di volumi, una palestra coperta e di due campi sportivi ampi e curati dove si praticano diverse discipline sportive. «L’Itet – aggiunge Stefania Scolaro – si distingue per la sua dinamicità e per la progettazione di molteplici attività formative come stage e viaggi all’estero, tra cui l’Erasmus. Un’attenzione particolare è rivolta ai percorsi di alternanza scuola-lavoro, molti dei quali avvengono presso strutture ed enti prestigiosi (come il progetto di imbarco temporaneo sulle navi-scuola Amerigo Vespucci e Palinuro) o gli stage presso agenzie marittime e di navigazione, Enti e studi tecnici, Aziende. Una co-progettazione con associazioni, imprese e istituzioni che realizza una forte sinergia tra la scuola e il territorio. E’, inoltre, l’unica scuola ad avere un proprio diario scolastico interamente realizzato dagli alunni delle classi di Grafica e Comunicazione». L’Itet è inoltre Test Center per le certificazioni informatiche riconosciute a livello europeo (Ecdl, Eucip, Cisco) e offre certificazioni linguistiche fino al livello B2 secondo gli standard riconosciuti a livello internazionale. Da qualche anno è possibile anche conseguire brevetti e patenti nel settore marittimo e nautico.


10 gennaio 2018 - www.oggimilazzo.it

Istituto “Da Vinci”, gli alunni del Nautico a lezione di meteorologia

L’Istituto Nautico di Milazzo inaugura il nuovo anno all’insegna della Meteorologia realizzando un percorso di alternanza scuola-lavoro di altissimo profilo professionale. Dopo gli stage organizzati sulle navi-scuola “Amerigo Vespucci” e “Palinuro”, l’Itet “Leonardo da Vinci” scommette sulla possibilità di perfezionare il percorso formativo dei suoi alunni attraverso il contatto diretto con gli specialisti del settore della meteorologia.

 

I ragazzi della quarta classe – indirizzo Trasporti e Logistica, opzione Conduzione del Mezzo Navale, grazie al Protocollo d’Intesa stipulato tra il dirigente scolastico Stefana Scolaro e il Comando dell’A.M. di Sigonella per il triennio 2017/2020, hanno intrapreso da pochi giorni un percorso di alternanza che li vedrà protagonisti, per trenta ore, all’Osservatorio Meteorologico di Messina. Ciò permetterà loro di acquisire, approfondire e potenziare le competenze nell’ambito della Meteorologia sinottica.

Gli allievi, seguiti dal I Mar. Capodivento e dal suo team, avranno l’occasione di potersi avvalere dell’esperienza pluriennale di professionisti esperti che si sono distinti in molteplici iniziative e seminari realizzati in collaborazione con Enti Pubblici e privati a livello nazionale.

La squadra operativa del Teleposto Meteo di Messina si caratterizza per la professionalità, l’impegno e la disponibilità profusi nel trasmettere ai giovani la passione verso un settore considerato fondamentale. Tutti noi comprendiamo l’importanza che una corretta previsione meteorologica e una lettura meticolosa degli elementi e dei valori atmosferici assumono per la navigazione.

«L’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “Da Vinci” di Milazzo” – sottolinea la dirigente Stefania Scolaro – è orgoglioso di poter permettere ai propri ragazzi di intraprendere, nel loro percorso di studi, un’efficace sinergia tra il mondo della scuola e del lavoro grazie a collaborazioni come questa, selezionate accuratamente con la passione di chi vuole assicurare un futuro solido ai propri allievi. Siamo una delle pochissime scuole in Italia a stipulare questo genere di convenzioni e sono sicura che il Teleposto Meteo costituirà un’esperienza indimenticabile, che arricchirà il bagaglio culturale degli alunni sia dal punto di vista umano che professionale».


22 dicembre 2017 - www.tempostretto.it di Salvatore Di Trapani

Milazzo dopo il meeting erasmus. Un'esperienza che arricchisce gli studenti

 

Si è concluso il meeting dedicato all'incontro tra gli studenti dell'Itet L. Da Vinci di Milazzo e gli allievi delle scuole europee aderenti al progetto erasmus. Un'esperienza particolarmente importante, che sancisce la bontà dell'iniziativa.

Sono giunti da Germania, Spagna, Portogallo, Francia, Croazia, Grecia, Polonia e Lituania i 22 studenti e 17 insegnanti aderenti al progetto erasmus. Ospiti dell’istituto tecnico L. Da Vinci di Milazzo, i visitatori europei hanno avuto modo di trascorrere un’intera settimana alla scoperta della scultura siciliana e delle ricchezze del nostro territorio. Ad accoglierli la dirigente scolastica dell'istituto milazzese, Stefania Scolaro, e i docenti Rossella Alosi, Antonio Di Blasi e Gianfranco Minniti.

Lo scorso 16 dicembre l'incontro conclusivo, nel corso del quale si è fatto il punto della situazione. Diverse le attività proposte come la visita al castello di Milazzo e alle cittadine di Taormina e Cefalù, esperienze tutte correlate da laboratori, conferenze e incontri dedicati al tema dei fenomeni migratori. Immancabile il "tocco siciliano" che ha stupito e incantato i visitatori stranieri. Nel corso di un incontro in aula magna, infatti, una studentessa ha avuto modo di esibirsi con una ciaramella, intrattenendo l'intero auditorio con musiche e canti tipici del natale.

"L’ospitalità che le famiglie dei nostri allievi hanno garantito agli studenti stranieri è stata una impareggiabile occasione di crescita e coinvolgimento -ha spiegato il dirigente scolastico Stefania Scolaro- Alla loro partenza i ragazzi stranieri, nella commozione generale, hanno salutato con un arrivederci nei loro paesi di origine i loro corrispondenti italiani, felici di ricambiare con altrettanto calore l’accoglienza ricevuta".


22 dicembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Istituto Da Vinci, un incontro per ricordare l’ammiraglio Luigi Rizzo

Si è svolta nell’Aula Magna dell’istituto “Leonardo Da Vinci”, una conferenza dedicata alla figura dell’ammiraglio Luigi Rizzo. La giornata è stata presenziata dalla figlia, la contessa Maria Guglielmina Rizzo Bonaccorsi e da una rappresentanza di autorità militari e civili. Il tema centrale dell’iniziativa ha riguardato la rievocazione della vita e delle gesta dell’Eroe, con particolare riferimento all’impresa di Trieste, di cui ricorre quest’anno il centenario. L’episodio riguarda l’affondamento della corazzata austro-ungarica “Wien” messo a segno da Luigi Rizzo e dai suoi uomini nella notte tra il 9 e il 10 dicembre 1917. Dopo i saluti della dirigente Stefana Scolaro, l’incontro è entrato nel vivo con la presentazione dei video preparati dagli studenti di alcune classi degli indirizzi Nautico e Turistico. Coadiuvati dalle docenti Barone, Zucconi e Crisà, i ragazzi hanno ripercorso gli aspetti salienti della vita di Luigi Rizzo che, per dirla con le parole di G. D’Annunzio, “osò l’inosabile” con le sue imprese leggendarie. L’ articolato intervento del Dott. Biagio Ricciardi, presente sia come cultore della materia che in qualità di Vicepresidente dell’Associazione Nastro Azzurro, ha chiuso la giornata rilevando il valore dell’iniziativa. Hanno partecipato: il nipote di Luigi Rizzo Bonaccorsi, l’Ammiraglio Iannucci, Il Presidente della Lega Navale G. Romano, il Presidente del Rotary Club di Milazzo S. Russo, il Presidente dell’Associazione Italia Nostra-sezione di Milazzo Maneri, un rappresentante della Capitaneria di Porto e Adele Chiello Tusa, madre del compianto Giuseppe Tusa. «Il legame del nostro Istituto con la figura di Luigi Rizzo è particolarmente forte – dice Stefania Scolaro – perché l’Eroe ha dato lustro alla nostra città e per questo è doveroso tenere vivo il ricordo delle Sue imprese e celebrarlo come uno dei maggiori protagonisti della storia italiana. Occorre che i giovani imparino dallo studio della storia il passato, il presente e sappiano proiettarsi nel futuro avendo saldi i valori della democrazia, della pace e della libertà».


19 dicembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Gli alunni negli studi Rai di Saxa Rubra

Istituto “Leonardo da Vinci”, gli studenti in visita alla Rai con il progetto “Porte Aperte”

Un gruppo selezionato di studenti del corso di Grafica e Comunicazione dell’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo è stato ospite degli studi Rai di Saxa Rubra grazie al progetto “Porte Aperte”, indetto dalla Direzione Comunicazione Rai. L’opportunità, pensata per avvicinare i giovani al mondo dell’intrattenimento televisivo, ha portato gli alunni a stretto contatto con il complesso lavoro di squadra che avviene dietro le quinte dei programmi messi in onda quotidianamente.

La consegna degli attestati di partecipazione

Sotto la supervisione di alcune figure professionali specializzate e accompagnati dalle professoresse Katia Falliti, referente del progetto, e Francesca Mazzù, i ragazzi hanno potuto osservare da vicino le sofisticate e delicatissime strumentazioni di regia e tutte le innovazioni tecnologiche di cui la Rai si serve per realizzare i suoi prodotti televisivi. Ma non è tutto: l’aspetto più coinvolgente è stato quando gli alunni hanno partecipato, la mattina di venerdì 15 dicembre, alla trasmissione condotta da Elisa Isoardi “Buono a Sapersi”. Una puntata ricca di spunti interessanti sulla salute e l’alimentazione, in onda su RaiUno, che i ragazzi hanno seguito in veste di pubblico, consapevoli di stare vivendo un momento magico e irripetibile. Particolarmente soddisfatta la dirigente scolastica Stefania Scolaro, presente anche lei tra il pubblico della trasmissione, che sottolinea l’alto valore formativo di questa esperienza, in grado di offrire molteplici opportunità di orientamento professionale. La Rai, infatti, predispone progetti di alternanza scuola-lavoro, laboratori e stage pensati proprio per gli studenti delle scuole secondarie superiori. Realizzare lo stage di alternanza scuola-lavoro presso un contesto così prestigioso è un’occasione speciale, specie per l’indirizzo di Grafica e Comunicazione, grazie alle specifiche competenze nel settore dei Media e dell’entertainment che L’Itet “Leonardo da Vinci” sa offrire ai suoi iscritti, fornendo loro la concreta possibilità di inserirsi in maniera competitiva nel mercato del lavoro. Durante il viaggio, aperto anche ad altre classi dell’Istituto, i ragazzi hanno visitato alcune delle bellezze del patrimonio storico-artistico della città di Roma. Molto interessante è stata l’escursione alla necropoli di Cerveteri: una full immersion alla scoperta della civiltà degli Etruschi. Grazie anche all’udienza con il Papa, l’itinerario si è trasformato in un’entusiasmante esperienza di arricchimento culturale e professionale per tutti.


14 dicembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Gli studenti durante la visita a Roma

Istituto Da Vinci, gli studenti giornalisti Rai per un giorno

Ritorna all’istituto Leonardo Da Vinci di Milazzo il progetto Rai Porte Aperte. Iniziativa grazie al quale i venti ragazzi del settore grafica e comunicazione visiteranno domani gli studi Rai di Saxa Rubra. Insieme al gruppo di grafica la scuola ha dato l’oppurtunità ai ragazzi del biennio dell’istituto di associarsi al gruppo del corso grafica. Tutto il gruppo ha già avuto l’opportunità di assistere all’udienza del papa del mercoledì alla Sala Nervi e ammirare la bellezza di Piazza San Pietro nel periodo natalizio.


04 dicembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Spadafora, al castello fino all’8 dicembre la mostra “Spot di Sicilia”

SPADAFORA. E’ stata inaugurata ieri nelle sale del Castello di Spadafora la mostra fotografica “Spot di Sicilia”, a conclusione del corso di formazione per giovani fotografi, ideato e diretto da Cristina Lopresti, finanziato dalla Regione Siciliana nell’ambito della Linea di intervento n. 1 “Giovani talenti” – “Giovani protagonisti di sé e del territorio(CreAZIONI giovani)”.

Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti la progettista Cristina Lopresti, il sindaco di Spadafora Giuseppe Pappalardo, il sindaco di Villafranca Tirrena Matteo De Marco, l’assessore allo Sport, Turismo, spettacolo e pari opportunità di Villafranca Tirrena Barbara Di Salvo e alcuni docenti in rappresentanza del Liceo Scientifico e Linguistico Archimede di Messina, dell’Istituto Tecnico Leonardo Da Vinci di Milazzo e del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Spadafora.

Al progetto hanno preso parte ragazzi di età compresa tra i 14 e i 24 anni non compiuti provenienti da Messina, Monforte San Giorgio, Rometta, Santa Lucia del Mela, Saponara, Spadafora, Torregrotta, Valdina, Venetico, Villafranca Tirrena e Montallegro (Ag).

Le lezioni si sono svolte nelle sedi messe a disposizione dal Comune di Spadafora (partner istituzionale insieme al Comune di Villafranca Tirrena) e hanno avuto lo scopo di guidare gli iscritti attraverso il mondo della fotografia professionale valorizzandone talento e creatività.

Workshop sono stati dedicati alla fotografia di matrimonio (tutor Michele Grillo), alla fotografia paesaggistica/di ritratto (tutor Antonio Giocondo), alla fotografia di moda/eventi/pubblicità (tutor Mimmo D’Arrigo) e alla documentazione dei beni storico artistici (tutor Alessandro Mancuso).

L’incontro aperto al pubblico, dal titolo “Il fotografo freelance e il mondo della pubblicità”, tenuto da Giuseppe La Spada (artista digitale vincitore dell’Oscar del web e regista del video del brano “L’Essenziale” di Marco Mengoni) ha fornito ulteriori spunti di riflessione ai partecipanti in merito alla costruzione del portfolio e allo sviluppo di un progetto creativo.

L’offerta formativa è stata infine arricchita dal laboratorio sull’elaborazione digitale dell’immagine (tutor Michela Lizzio) e dal seminario sull’ideazione/allestimento di una mostra fotografica (tutor Cristina Lopresti).

Il percorso espositivo presenta un’ampia selezione degli scatti dei corsisti e sarà visitabile, con ingresso gratuito, fino a venerdì 8 dicembre (ingresso gratuito).


03 dicembre 2017 - www.ildiariometropolitano.it

Al Castello di Spadafora la mostra delle foto dei "Giovani Talenti" che hanno partecipato al corso finanziato dalla Regione Siciliana

E’ stata inaugurata lo scorso 1 di dicembre,  nelle sale del Castello di Spadafora la mostra fotografica Spot di Sicilia, a conclusione del  corso di formazione per giovani fotografi,  ideato e diretto dalla Dott.ssa Cristina Lopresti, finanziato dalla Regione Siciliana nell’ambito della Linea di intervento n. 1 "Giovani talenti" - “Giovani protagonisti di sé e del territorio (CreAZIONI giovani)”.

Presenti la progettista Dott.ssa Cristina Lopresti, il Sindaco di Spadafora Dott. Giuseppe Pappalardo, il Sindaco di Villafranca Tirrena Dott. Matteo De Marco, l’Assessore allo Sport, Turismo, Spettacolo e Pari Opportunità di Villafranca Tirrena Barbara Di Salvo e alcuni docenti in rappresentanza del Liceo Scientifico e Linguistico Archimede di Messina, dell’Istituto Tecnico Leonardo Da Vinci di Milazzo e del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Spadafora.
Al progetto hanno preso parte ragazzi di età compresa tra i 14 e i 24 anni non compiuti provenienti da Messina, Monforte San Giorgio, Rometta, Santa Lucia del Mela, Saponara, Spadafora, Torregrotta, Valdina, Venetico, Villafranca Tirrena e Montallegro (AG).

Le lezioni si sono svolte nelle sedi messe a disposizione dal Comune di Spadafora (partner istituzionale insieme al Comune di Villafranca Tirrena) e hanno avuto lo scopo di guidare gli iscritti attraverso il mondo della fotografia professionale valorizzandone talento e creatività.
Workshop sono stati dedicati alla fotografia di matrimonio (Tutor Michele Grillo), alla fotografia paesaggistica/di ritratto (Tutor Antonio Giocondo), alla fotografia di moda/eventi/pubblicità (Tutor Mimmo D’Arrigo) e alla documentazione dei beni storico artistici (Tutor Alessandro Mancuso).

L’incontro aperto al pubblico, dal titolo “Il fotografo freelance e il mondo della pubblicità”, tenuto dal Tutor Giuseppe La Spada (artista digitale vincitore dell’Oscar del web e regista del video del brano “L’Essenziale” di Marco Mengoni) ha fornito ulteriori spunti di riflessione ai partecipanti in merito alla costruzione del portfolio e allo sviluppo di un progetto creativo.

L’offerta formativa è stata infine arricchita dal laboratorio sull’elaborazione digitale dell’immagine (Tutor Michela Lizzio) e dal seminario sull’ideazione/allestimento di una mostra fotografica (Tutor Cristina Lopresti).
Il percorso espositivo presenta un’ampia selezione degli scatti dei corsisti e sarà visitabile, con ingresso gratuito, fino a venerdì 8 dicembre.


27 novembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Gli studenti mentre effettuato un rilievo topografico della piazza

Istituto Da Vinci, gli studenti “studiano” Piazza Roma

Prosegue il percorso di alternanza Scuola-Lavoro per gli alunni della III A dell’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo dell’indirizzo: “Costruzioni, Ambiente e territorio”. Oggi hanno avuto un tutor d’eccezione, Nicola Pitrone, ex alunno della scuola, diplomato nell’anno scolastico 1993/94, noto professionista, che ha spiegato ai ragazzi, l’importanza della professione del geometra, una figura di rilievo nella pratica professionale e con numerosi sbocchi lavorativi.

I ragazzi coadiuvati da Pitrone, dai professori Paolo Saija e Nicola Conte, docenti della scuola, dopo una breve lezione sugli strumenti necessari e sulle tecniche per eseguire un rilievo topografico, hanno eseguito il rilievo della Piazza Roma di Milazzo, in un progetto che vede gli studenti impegnati ad acquisire le competenze nel campo dell’impiego degli strumenti per il rilievo, dell’uso dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo. Tutte competenze richieste sia per il proseguimento degli studi Universitari che dal mondo della libera professione.


25 novembre 2017 - www.oggimilazzo.it

“Giochi di Leonardo”, ecco i nomi dei vincitori della terza edizione

Marco Iarrera, secondo classificato categoria Alfa

Grande successo per la terza edizione dei “Giochi di Leonardo”, gara di informatica, logica e matematica che si è disputata all’Istituto “Leonardo da Vinci” di Milazzo. La competizione, aperta gratuitamente agli alunni delle seconde e terze classi delle scuole secondarie di primo grado e finalizzata a promuovere le competenze digitali e logico-matematiche, ha visto protagonisti 150 ragazzi provenienti dagli Istituti: “Luigi Rizzo” di Milazzo, “Guglielmo Marconi” di Pace del Mela, “Enrico Fermi” di San Filippo del Mela, “Pasquale Galluppi” di Santa Lucia del Mela, “Stefano D’Arrigo” di Venetico e “Leonardo da Vinci” di Villafranca Tirrena.

Gli alunni si sono sfidati ai terminali dei laboratori di Informatica dell’Itet nella risoluzione di una serie di quesiti, alcuni di elevata difficoltà, appositamente predisposti da una commissione nominata dal dirigente scolastico Stefania Scolaro.

I vincitori dell’edizione 2017/2018 dei “Giochi di Leonardo” per la categoria Alpha sono Fabio Giacoppo  primo classificato (scuola media L.da Vinci Villafranca), Marco Iarrera  secondo classificato (scuola media L. Rizzo Milazzo), Emanuele La Malfa  terzo classificato (scuola media L. Rizzo Milazzo). Per la categoria Beta: Riccardo Formica primo classificato (scuola media L.Rizzo Milazzo), Alessandro Iarrera  secondo classificato (scuola media L. Rizzo Milazzo), Kevin Gozzo  terzo classificato (scuola media L. da Vinci Villafranca).

Alla fine della gara, nell’Aula Magna dell’istituto superiore milazzese, si è tenuta la cerimonia di premiazione durante la quale è stato presentato un prototipo di robot realizzato dagli alunni della classe III A dell’indirizzo Informatica e Telecomunicazioni. Il Robot, ribattezzato “Leonardino”, è il risultato di un progetto innovativo di Robotica Educativa curato dal professor Giuseppe Meo. Nato unendo blocchi lego a sensori e componenti tecnologiche, “Leonardino” ha moltissime possibilità e funzioni: può seguire percorsi prestabiliti e adattarsi all’ambiente circostante, evitando cadute e ostacoli sul proprio cammino. La dimostrazione pratica delle “capacità” del robot ha riscosso grande successo tra il pubblico presente alla premiazione. Ancora una volta l’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo si distingue per la sua caratteristica di coniugare innovatività e didattica, aprendo agli alunni nuove prospettive per il futuro.

 

Fabio Giacoppo, primo classificato categoria Alfa

Emanuele La Malfa, terzo classificato categoria Alfa

Kevin Gozzo, terzo classificato categoria Beta

Il robottino ed alunni che hanno realizzato il progetto


25 novembre 2017 - www.oggimilazzo.it

 

 

Violenza sulle donne, l’istituto Da Vinci si illumina di arancione

Una nuova luce si accende per dire basta alla violenza di genere. Oggi in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’Itet Leonardo da Vinci di Milazzo ha illuminato la facciata dell’edificio di luce arancione per tre notti consecutive: venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 novembre. Sull’ingresso inoltre è stato esposto uno striscione realizzato dalla classe V A Grafica e Comunicazione, allo scopo di sensibilizzare la comunità cittadina e le istituzioni su questo grave problema.

«Vestiamo di arancione la nostra scuola – sottolinea la dirigente Stefania Scolaro – per dare un segno forte e chiaro. La violenza sulle donne è inaccettabile e il problema deve essere affrontato con ogni mezzo. Proprio dalla scuola deve partire la cultura del rispetto per le donne. Dobbiamo insegnare ai ragazzi il modo di superare gli stereotipi creati dalla differenza di genere, affinché rifiutino la logica di un rapporto tra il mondo maschile e femminile fondato sulla prevaricazione, sulla dipendenza anche psicologica della donna dall’uomo».

L’istituto Leonardo Da Vinci è stata l’unica scuola milazzese a pensare di colorare di arancio la scuola. Un messaggio forte. Una luce che esprime la speranza che molte donne vittime di abusi possano uscire dal buio dell’odio e dell’indifferenza.


20 novembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Istituto Da Vinci, la biblioteca scolastica cresce grazie a #IoLeggoPerchè2017

Grazie a #IoLeggoPerchè2017, la più grande iniziativa italiana per promuovere la lettura, la biblioteca dell’Itet Leonardo Da Vinci ha potuto gemellarsi con la Libreria Mondadori con la quale ha lavorato in sinergia per orientare le scelte dei donatori di libri verso le opere e gli autori più utili alla riqualificazione e all’aggiornamento della biblioteca scolastica, che è fornita di una dotazione libraria di quasi diecimila volumi. Grazie anche alle donazioni ricevute, oggi la biblioteca dell’Itet può mettere a disposizione dell’utenza, insieme ai classici della narrativa italiana e ad un’ampia scelta di volumi di argomento giuridico-economico e di carattere tecnico, le più recenti pubblicazioni dei narratori di fama nazionale e internazionale.

La biblioteca scolastica deve diventare sempre di più un luogo di apprendimento accessibile a tutti, uno spazio privilegiato di lavoro e di riflessione per i docenti, un punto d’incontro quotidiano per gli studenti. Ogni sforzo deve essere compiuto affinché la lettura diventi attesa e goduta come un momento naturale e gioioso della vita; non un’eccezione, né un dovere o tanto meno una punizione, ma la normalità. Solo attraverso la biblioteca scolastica possiamo indurre nei ragazzi l’unica forma di dipendenza possibile, anzi auspicabile, quella verso il libro, il cibo per la mente, uno strumento fondamentale per la formazione e la crescita personale.


17 novembre 2017 - www.tempostretto.it di Salvatore Di Trapani

Milazzo, formazione "on the job". Cinque ragazzi alla scoperta del'Europa

 

Cinque neodiplomati alla scoperta dell'Europa. Un'importante opportunità di lavoro per gli ex studenti dell'ITET L. Da Vinci, che si sono aggiudicati le borse di studio messe in palio dall'Essenia Vetp.

Cinque neodiplomati dell'ITET Leonardo Da Vinci di Milazzo alla scoperta dell'Europa. Lavoreranno per 4 mesi in paesi come la Spagna, il Regno unito e l’Irlanda, non solo per osservar da vicino il mercato del lavoro europeo, partecipando a progetti formativi conformi ai fabbisogni del tessuto produttivo, ma anche per realizzare una preziosa esperienza di scambio e di confronto con culture diverse.

David Alibrando, Antonio Andaloro, Giorgia Ferraro, Giuliana Basile e Ramona Parisse. Questi i cinque giovani che, tra oltre 100 candidati, sono riusciti ad aggiudicarsi le borse di studio messe in palio ESSENIA VETP.

Il bando, denominato E.A.S.Y. vet (Experiences Abroad for Staff and Young graduates in VET), è stato promosso nell'ambito del progetto Erasmus Plus ed è rivolto agli studenti delle classi terminali degli istituti tecnici e professionali che, una volta conseguito il diploma, hanno la possibilità di essere inseriti presso aziende o istituzioni per realizzare periodi di tirocinio nei paesi dell'Unione Europea.

”Non è stato facile redigere il curriculum e sostenere una conversazione di lavoro in lingua spagnola -spiega Giuliana Basile, prossima alla partenza per Valencia- ma è andata bene e siamo felicissimi di imbarcarci in questa avventura. Mi  aspetto di essere inserita nello staff di qualche tour operator, presso compagnie di volo tipo Vueling o nella direzione di qualche grande albergo, perché la scuola mi ha fornito le competenze professionali e linguistiche per lavorare proprio nel settore turistico”.

Un'importante esperienza formativa, dunque, che vuole collegare Milazzo e la Sicilia al resto dell'Europa. I cinque ragazzi si sono detti molto emozionati ma, soprattutto, desiderosi di mettersi alla prova e di approfittare di quest'importante opportunità.


10 novembre 2017 - www.normanno.com

Quali sono le migliori scuole di Messina e provincia? Ecco la classifica

Quali sono le scuole migliori di Messina? Il portale Eduscopio ci aiuta a capirlo con una classifica utile per conoscere quali istituti, nel territorio della propria città, possono offrire maggiore preparazione per lo studio universitario. Sono state fatte delle indagini che hanno riscontrato quanti studenti, provenienti da una determinata scuola, hanno deciso di affrontare gli studi universitari. Ma i ricercatori di Eduscopio si sono anche chiesti quanto tempo impiegano in media gli studenti a sostenere ogni esame e la media dei voti che ottengono. La filosofia di Eduscopio consiste nell’idea che, chi possiede una buona istruzione scolastica, possa conseguire ottimi risultati universitari. È per questo che gli ideatori del portale ritengono utile una classifica delle scuole per ogni città, che aiuti studenti e genitori nella scelta più idonea alle proprie esigenze.

Istituti ad indirizzo classico.

Per quanto riguarda i licei classici, nel raggio di 30 km troviamo:

1.   Liceo Francesco Maurolico.

2.   Liceo Giovan Battista Impallomeni (Milazzo).

3.   Liceo Giuseppe La Farina.

Istituti ad indirizzo scientifico.

Per quanto riguarda i licei scientifici, nel raggio di 30 km troviamo:

1.   Istituto Empedocle.

2.   Liceo Archimede.

3.   Liceo Leonardo Da Vinci (Reggio Calabria).

Istituti ad indirizzo linguistico.

Per quanto riguarda i licei linguistici, nel raggio di 30 km troviamo:

1.   Liceo Emilio Ainis.

2.   Liceo Felice Bisazza.

3.   Liceo Nostro-Repaci (Reggio Calabria).

Istituti ad indirizzo scienze umane.

Per quanto riguarda i licei di scienze umane, nel raggio di 30 km troviamo:

1.   Liceo Nostro-Repaci (Reggio Calabria).

2.   Liceo Emilio Ainis.

3.   Liceo Tommaso Gulli (Reggio Calabria).

Istituti ad indirizzo tecnico-economico.

Per quanto riguarda gli istituti tecnici-economici, nel raggio di 30 km troviamo:

1.   Istituto Leonardo Da Vinci (Milazzo).

2.   Istituto Raffaele Piria (Reggio Calabria).

3.   Istituto Ferraris – Da Empoli (Reggio Calabria).

Istituti ad indirizzo tecnico-tecnologico.

Per quanto riguarda gli istituti tecnici a indirizzo tecnologico, nel raggio di 30 km troviamo:

1.   Istituto Ettore Majorana (Milazzo).

2.   Istituto Leonardo Da Vinci (Milazzo).

3.   Istituto Augusto Righi (Reggio Calabria).

Nella classifica sono assenti gli istituti professionali, in quanto facenti parte della sezione “avvio al mondo del lavoro”, le cui classifiche saranno disponibili nelle prossime settimane.

Le classifiche sono consultabili nel portale di Eduscopio.

 


9 novembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Dalla Vespucci alla Palinuro, la prima navigazione di Shura Accetta e Salvatore Cicciari

La studentessa Shura Accetta

Istituto Leonardo Da Vinci. Dopo l’alunno Salvatore Cicciari, imbarcato sulla nave scuola Palinuro adesso a fare una nuova esperienza di navigazione è stata la studentessa Shura Accetta. La ragazza che frequenta la IV A Trasporti e Logistica, è stata a bordo dell’Amerigo Vespucci. La nave, definita la “più bella del mondo”, da 86 anni fa scuola di marineria e di vita ed è una vera e propria leggenda dei mari. La Vespucci offre,infatti, i suoi segreti e le sue esperienze anche a tanti giovani degli istituti nautici, per i quali rappresenta un eccezionale banco di prova per il futuro.

La giovane alunna del Nautico di Milazzo, che si è imbarcata a Taranto ed è rimasta a bordo per dieci giorni di navigazione, è stata scelta nell’ambito del progetto di imbarco temporaneo dei giovani soci dell’Anmi e della Lega Navale italiana. Una grande soddisfazione per l’Itet Leonardo da Vinci, che offre ai suoi iscritti l’occasione di mettere in pratica le competenze acquisite sui banchi di scuola e arricchire con un’esperienza prestigiosa il proprio curriculum professionale. A soli diciassette anni, sperimentare il lavoro a bordo di un’unità-simbolo della Marina, osservando la ferrea disciplina, il duro coordinamento di squadra e soprattutto l’orgoglio che fa brillare gli occhi dell’equipaggio, costituisce un’unica, insostituibile scuola di vita.

Qualche mese fa ha avuto la stessa opportunità  Salvatore Cicciari, imbarcato per uno stage sulla nave scuola Palinuro, anche lui scelto insieme ad altri giovani candidati di età compresa tra i 15 e i 25 anni che sono ammessi agli imbarchi temporanei grazie ad associazioni come la Lega Navale Italiana, che opera sul territorio e offre agli studenti dei migliori Istituti Nautici non soltanto una concreta opportunità di alternanza scuola lavoro, ma anche un’esperienza di vita indimenticabile. Per lui l’imbarco è durato venti giorni, durante i quali la goletta ha fatto scalo nei maggiori porti della Penisola.

«E’ stata – dice Salvatore – un’esperienza indimenticabile anche se molto rigida. La sveglia era ogni mattina alle 6,45 per poi affrontare una giornata di duro lavoro. Riordino delle amache e preparazione dei tavoli per la colazione. Alle 8 si cominciava con i turni di “rassetto e pulizie”, senza contare i turni di guardia della durata di dieci ore, alcune delle quali da svolgere anche di notte. Oltre a queste incombenze, a bordo ci sono poi intensi momenti di studio e attività concrete come la manovra delle vele, i compiti in plancia, la vedetta, la navigazione notturna e tante altre attività propedeutiche all’apprendimento delle arti marinaresche». Per Salvatore Cicciari, però, la cosa più bella è stato guidare il timone della nave. «E’ stato – continua – fantastico. Impugnare il timone è come avere saldamente tra le mani l’anima della nave. Mi sono sentito orgoglioso. Il cuore mi batteva forte per l’emozione. Quando ho visto le vele muoversi al vento e sentito il suono della sirena che annunciava la partenza dal porto di imbarco, ho guardato il mare e ho capito che il mio sogno si era realizzato». Per lui sicuramente una grande opportunità. «Sono consapevole – conclude – di aver avuto una fortuna che raramente capita ad un ragazzo della mia età. Ciò che ho imparato va oltre la semplice pratica lavorativa. Ho provato quanto sia meravigliosa la vita in mare e quanto importanti siano i valori che può insegnare. Come il rispetto reciproco, la collaborazione, il lavoro di squadra e soprattutto l’amore per il mare e tutte le sue creature. E solo grazie alla preparazione di base che ho avuto a scuola sono stato capace di affrontare tutto senza alcun ripensamento».

Salvatore Cicciari


8 novembre 2017 - www.tempostretto.it di Salvatore Di Trapani

Milazzo, l'ITET Leonardo Da Vinci incontra l'Europa. Studenti in Erasmus

INTEGRAZIONE E GLOBALIZZAZIONE

L'ITET Leonardo Da Vinci di Milazzo pronto ad accogliere gli studenti in erasmus. Diverse le iniziative già avviate, in previsione degli appuntamenti di dicembre.

 

Gli studenti dell'ITET Leonardo Da Vinci di Milazzo pronti ad incontrare l'Europa. Dopo una prima esperienza di partenariato con le scuole dell'unione europea, avviata nell'ambito del progetto erasmus, si attende con entusiasmo l'appuntamento del prossimo mese. Dal 10 al 16 dicembre, infatti, l'istituto milazzese ospiterà i  team dei paesi partecipanti. Il primo incontro interculturale si è svolto nel mese di ottobre, in Germania, e ha rappresentato il primo di 9 meeting transnazionali proposti nell'ambito dell'iniziativa “Migration matters”. Il progetto, coordinato dal docente Gianfranco Minniti in collaborazione con i docenti Antonio di Blasi e Rossella Alosi, avrà una durata biennale e coinvolge 24 ragazzi di tutti gli indirizzi di studio. I paesi interessati, oltre all'Italia, sono Germania, Portogallo, Croazia, Lituania, Grecia, Francia, Polonia e Spagna. Un opportunità particolarmente interessante, dunque, che permetterà di conoscere le diverse realtà culturali e soprattutto di perfezionare la conoscenza della lingua inglese, ormai consolidata da anni come linguaggio internazionale.


7 novembre 2017 - www.siciliaoggi.com

Erasmus+ a Milazzo grazie all'istituto tecnico "Leonardo da Vinci"

Esperienza di grande impatto per allievi e docenti dell’ITET “Leonardo da Vinci”, chiamato ancora una volta a partecipare ad un progetto Erasmus+ KA2 di partenariato tra scuole della Unione Europea. Il primo incontro, svoltosi in Germania dal 23 al 27 ottobre 2017, è il primo di 9 meeting transnazionali nel quadro del progetto “Migration matters” e ha costituito un momento di crescita culturale e umana, di integrazione, di condivisione, nonché di perfezionamento della lingua inglese. L’intero progetto, coordinato dal prof. Gianfranco Minniti con la collaborazione del proff. Antonio Di Blasi e Rossella Alosi, ha durata biennale e rappresenta, per 24 allievi dei vari indirizzi di studio, un’opportunità unica per il superamento di stereotipi e pregiudizi, nonché di discussione e di confronto tra i team dei paesi partecipanti al programma (Italia, Germania, Portogallo, Croazia, Lituania, Grecia, Francia, Polonia, Spagna). L’ITET da Vinci, guidato dalla Dirigente prof.ssa Stefania Scolaro, si prepara ad ospitare i team dei paesi partecipanti dal 10 al 16 dicembre 2017. In tale contesto verranno proposte una serie di attività finalizzate anche alla promozione del nostro territorio e dei nostri usi e costumi.


26 ottobre 2017 - www.oggimilazzo.it

Istituto "Da Vinci", al via la seconda edizione delle “Sfide di Fibonacci”

“I Galluppiani” dell’Istituto di Santa Lucia del Mela, squadra vincitrice della prima edizione

 

La seconda edizione delle “Sfide di Fibonacci” organizzate dall’Itet “Leonardo da Vinci” di Milazzo vede un alto numero di alunni partecipanti: infatti sono ben trecento i ragazzi, suddivisi in diciassette squadre, che a partire da oggi giovedì 26 ottobre affronteranno la gara di Economia, Logica e Cittadinanza, aperta alle Scuole Secondarie di 1° grado della provincia di Messina. La stessa è finalizzata a promuovere la partecipazione e a valorizzare le eccellenze del nostro territorio nello spirito di una sana competizione.

Le “Sfide”, organizzate per tappe tematiche, si svolgeranno nell’innovativa modalità on-line: i giovani “sfidanti” si cimenteranno, infatti, direttamente dall’Istituto di appartenenza nella risoluzione dei quesiti proposti. La tappa conclusiva e la successiva cerimonia di premiazione si svolgeranno entro il 30 gennaio 2018 al “Leonardo da Vinci” ideatore e promotore dell’avvincente gara.                               

 

 


05 ottobre 2017 - www.oggimilazzo.it

Istituto Da Vinci, Salvatore Cicciari dai banchi allo stage sulla nave Palinuro

Salvatore Cicciari sulla nave scuola Palinuro

Salvatore Cicciari, classe IV A Trasporti e Logistica dell’Itet Leonardo Da Vinci, è stato selezionato per partecipare ad uno stage all’interno della nave scuola Palinuro. Si tratta di una straordinaria esperienza di vita che sarà, sicuramente, molto difficile da dimenticare. Insieme ad un ristretto numero di giovani dai 15 ai 25 anni, provenienti da diverse regioni e accolti a bordo da un progetto speciale della Marina Militare Italiana, lo studente potrà familiarizzare con le arti marinaresche, in un ambiente privilegiato e altamente professionalizzante. Durante la navigazione sono previste esercitazioni e attività di ogni tipo, sia teoriche che pratiche, sempre sotto la preziosa guida degli allievi ufficiali e dei marinai dello storico veliero a tre alberi, fiore all’occhiello della nostra Marina. La nave scuola, salpata il 27 settembre da Livorno, è approdata dopo alcuni scali a Messina, dove sarà proprio in questi giorni al centro di numerose iniziative in occasione della II edizione della festa della Marineria, in programma nella Città dello Stretto dal 5 all’8 ottobre 2017. L’evento, ricco di incontri di vario genere ma unificati dal tema del mare, vedrà riunite, nella Base Navale e presso altre sedi, le rappresentanze delle Autorità militari della Marina, della Capitaneria di Porto e di altri Corpi militari dello Stato. Insieme alle autorità e ai numerosi visitatori, saranno presenti anche gruppi di studenti, che avranno il privilegio di salire a bordo della Palinuro per una breve visita. Non mancheranno ovviamente gli alunni e i docenti del Nautico di Milazzo, accompagnati dalla dirigente Stefania Scolaro, consapevole delle straordinarie opportunità di orientamento e di formazione che la Festa della Marineria e il progetto di stage sulla nave scuola rappresentano per l’utenza dell’Istituto. Da anni, infatti, L’ITET Leonardo da Vinci di Milazzo è fermamente impegnato nel diffondere con ogni mezzo, tra i giovani, l’amore per il mare: la risorsa più fragile e preziosa del nostro territorio, la nostra speranza per il futuro.


05 ottobre 2017 - www.siciliaoggi.com

Dai banchi…..alle vele! Dodici giorni in mare: un’occasione irripetibile per il Nautico “Leonardo da Vinci” di Milazzo

Salvatore Cicciari, classe IV A Trasporti e Logistica dell’ITET Leonardo da Vinci, è stato selezionato per partecipare ad uno stage all’interno della nave scuola Palinuro. Si tratta di una straordinaria esperienza di vita che sarà, sicuramente, molto difficile da dimenticare. Insieme ad un ristretto numero di giovani dai 15 ai 25 anni, provenienti da diverse regioni e accolti a bordo da un progetto speciale della Marina Militare Italiana, lo studente avrà modo di familiarizzare con le arti marinaresche, in un ambiente privilegiato e altamente professionalizzante. Durante la navigazione sono previste esercitazioni e attività di ogni tipo, sia teoriche che pratiche, sempre sotto la preziosa guida degli allievi ufficiali e dei marinai dello storico veliero a tre alberi, fiore all’occhiello della nostra Marina.  La nave scuola, salpata il 27 settembre da Livorno, approderà dopo alcuni scali a Messina, dove sarà al centro di numerose iniziative in occasione della II edizione della festa della Marineria, in programma nella Città dello Stretto dal 5 all’8 ottobre 2017. L’evento, ricco di incontri di vario genere ma unificati dal tema del mare, vedrà riunite, nella Base Navale e presso altre sedi, le rappresentanze delle Autorità militari della Marina, della Capitaneria di Porto e di altri Corpi militari dello Stato. Insieme alle autorità e ai numerosi visitatori, saranno presenti anche gruppi di studenti, che avranno il privilegio di salire a bordo della Palinuro per una breve  visita.  Non mancheranno ovviamente gli alunni e i docenti del  Nautico di Milazzo, accompagnati dalla Dirigente Stefania Scolaro, consapevole delle straordinarie opportunità  di orientamento e di formazione  che la Festa della Marineria e il progetto di stage sulla nave scuola rappresentano per l’utenza dell’Istituto. Da anni, infatti, L’ITET Leonardo da Vinci di Milazzo è fermamente impegnato nel diffondere con ogni mezzo, tra i giovani, l’amore per il mare: la risorsa più fragile e preziosa del nostro territorio, la nostra speranza per il futuro.


05 ottobre 2017 - www.oggimilazzo.it

Istituto Da Vinci, il nuovo anno scolastico e l’incontro con il campione Devicenzi

L'incontro con il campione paralimpico Andrea Devicenzi

 

Con la festa dell’accoglienza e dell’integrazione l’Istituto Leonardo da Vinci ha inaugurato l’anno scolastico 2017/18. Un’iniziativa che ha avuto il passaggio del testimone dalle quinte alle prime classi e l’elezione di “Mister e Miss Istituto”. A presentare la manifestazione sono stati gli alunni Alice Lombardo, Stefano Cattafi e Martina Beninati. «Durante la mattinata – racconta la dirigente scolastica Stefania Scolaro – c’è stata anche lo “ScattialDavinci”. Le migliori cinque foto verranno pubblicate sul prossimo numero del giornale scolastico».

Per gli studenti dell’Istituto Leonardo Da Vinci sono stati due giorni intensi di appuntamenti. Il giorno prima, infatti, la scuola milazzese ha ospitato la 1ª Tappa del 5° Giro d’Italia Formativo di “Progetto 22” portato avanti dal campione paralimpico Andrea Devicenzi. «Ho incontrato cinquecento studenti milazzesi. Sono contento – dice Devicenzi – anche questa volta i nostri giovani ci hanno riservato durante gli incontri un’attenzione quasi imbarazzante, pronti a carpire nuove informazioni per la loro vita».
Progetto 22 nasce nell’inverno del 2014 da un gruppo di amici, coach e genitori, con la volontà di contribuire alla crescita dei giovani. «Da sempre attenti al mondo giovanile – continua il campione – troppo spesso abbiamo notato un atteggiamento disfattista e pessimista, anticamera di problemi di dimensioni ben più grandi. La nostra Mission dunque  è di garantire supporto, motivazione e stimolo ai ragazzi, attraverso esempi concreti e mediante il coinvolgimento diretto, in attività di sviluppo e crescita. Restituire così ai giovani la possibilità di rivalutare se stessi stimolandoli a cercare innanzitutto dentro di sé le risorese incredibili che hanno già ora a disposizione, per orientare la loro vita, attiva e ricca di soddisfazioni». Il nome “Progetto 22” non è un caso: sono 22 i valori che Andrea si impegnerà a raccontare e far vivere ai ragazzi. «Incontrando i ragazzi, desidero aiutarli ad interpretare gli eventi della loro vita in modo positivo, ascoltando se stessi, credendo nei propri mezzi ed accrescendo la propria autostima. Non voglio che i ragazzi divengano schiavi di quelli che sono i modelli di oggi: ognuno di noi è un essere unico ed irripetibile, con i propri pregi e risorse straordinarie, troppe volte date per scontate».

Progetto22, partito proprio da Milazzo, girerà tutta l’Italia. Il programma prevede cento istituti per un totale di cinquamila studenti.


06 ottobre 2017


30 settembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Istituto Leonardo da Vinci, l’atleta paralimpico Andrea Devincenzi incontra gli studenti

L’atleta paralimpico Andrea Devincenzi, protagonista di leggendarie imprese sportive, grazie alla collaborazione del nostro Istituto con il Movimento Sportivi Milazzesi, incontrerà il 2 ottobre gli alunni, i docenti e il personale dell’Itet Leonardo Da Vinci di Milazzo nell’ambito dell’iniziativa “Progetto 22”. L’iniziativa, sostenuta anche dalla Presidenza della Repubblica e dal Miut, prevede in un percorso formativo itinerante che tocca tutte le regioni italiane ed è incentrata su di un intenso e coinvolgente dialogo con gli studenti delle Scuole secondarie superiori. Durante l’atteso incontro, il thriatleta paralimpico racconterà la sua straordinaria vicenda umana e sportiva allo scopo di trasmettere quei valori e quelle esperienze che lo hanno spinto a trasformare i suoi sogni in obiettivi da raggiungere, superando le difficoltà e i limiti imposti dalla sua condizione. Sfide come la “pedalata” di 700 km a 5600 m. di altezza, in India, o la scalata del Machu Picchu, costituiscono uno straordinario esempio di entusiasmo, determinazione e amore per la vita, non solo per i giovani ma per ognuno di noi. «L’Istituto “Leonardo da Vinci” – sottolinea la dirigente scolastica Stefania Scolaro – è ben lieto di ospitare un’iniziativa così importante anche perché da molti anni riserva un’attenzione speciale alla disabilità, intesa non come limite ma come risorsa da cui tutti possono imparare».


30 settembre 2017 - www.oggimilazzo.it

 

Lelio Bonaccorso, Stefania Scolaro, Riccardo Orioles

Arriva “Avvinci”, il diario della legalità dell’Istituto Leonardo da Vinci

 


Diciassette storie di vittime di mafia e diciassette ritratti a fumetti. Si chiama “Avvinci”, è un diario scolastico e da quest’anno è nello zaino di tutti gli studenti dell’Istituto Leonardo da Vinci di Milazzo. Un originale strumento di formazione che nasce con un intento ben preciso. Regalare ai ragazzi la possibilità di conoscere il racconto della vita e soprattutto il volto di chi è morto per combattere il fenomeno mafioso in Sicilia. «Spesso – spiega la dirigente Stefania Scolaro – i più giovani non sanno chi sono queste persone. E non sempre tra loro c’è la voglia di informarsi. Con questo nostro diario sarà tutto molto più facile». Le storie, infatti, incastonate in dieci mesi di pagine sono scritte in modo semplice e sintetico.

E tutte accompagnate da un ritratto realizzato da Lelio Bonaccorso, fumettista messinese di fama internazionale. L’idea parte dal professore Antonio Patti, docente del corso di “Grafica e Comunicazione” dell’istituto milazzese. Lui con gli alunni della IV A ha dato vita a un prodotto davvero unico nel suo genere. Il Leonardo da Vinci è il primo istituto di Milazzo ad aver un’agenda uguale per tutti. «A Brescia nel precedente istituto dove insegnavo – racconta il professore Patti – gli studenti avevano un diario realizzato dalla scuola ma senza contenuti. Io, invece, fin dall’inizio ho pensato di creare un prodotto diverso. A Lelio Bonaccorso sono arrivato dopo aver visto un suo ritratto di Peppino Impastato. E quando ho ricevuto la sua disponibilità non ho avuto più dubbi. L’idea è diventato subito un progetto». “Avvinci”, stampato in mille copie, ha preso forma pagina dopo pagina. Fumetto dopo fumetto. Volto dopo volto. «Questa nostra pubblicazione – continua la preside – ha addirittura attirato l’attenzione di Eleonora Iannelli, giornalista che da diversi anni si occupa di legalità tramite anche la pubblicazione di libri per ragazzi. Grazie a lei siamo stati contattati da una casa editrice palermitana che ha intenzione di editare il nostro diario». «Questa agenda – continua il professore Patti – rappresenta un veicolo di comunicazione importante. Ha un fine educativo e divulgativo notevole».

E a renderlo particolarmente gradevole e interessante sono proprio i fumetti. Piccoli tratti di matita che danno un volto alle storie. «Ho donato i miei fumetti – interviene Lelio Bonaccorso – con enorme piacere. Erano tutte illustrazioni che avevo disegnato tempo fa proprio per fini sociali. E’ l’idea di questo diario della legalità fatto dai ragazzi mi è subito piaciuta tantissimo. Per gli studenti conoscere queste storie è un primo strumento di lotta». Durante la conferenza stampa di presentazione le parole del fumettista messinese sono state anche di grande incoraggiamento per i giovani presenti. «Nella vita – ha detto – dovete sempre difendere quello che vi piace fare. Come ho fatto io.

Lelio Bonaccorso

Tutti mi dicevano sempre “disegnare non è un lavoro”. Ho dimostrato a tutti che non è così». Bonaccorso oltre le tante pubblicazione e collaborazioni dal 2012 lavora con Marvel e ha pubblicato per quotidiani come il Corriere della Sera, la Gazzetta dello Sport, L’Unità e Wired. I suoi lavori oltreché in Italia sono stati pubblicati in Spagna, Francia, Olanda, Belgio, Usa, Canada, America Latina, Polonia.

Riccardo Orioles

Ad incantare i ragazzi con i suoi racconti è stato anche il giornalista milazzese Riccardo Orioles. A lui per il diario Avvinci è stato affidato il compito di raccontare la vita del collega Pippo Fava con cui ha lavorato per diversi anni nella redazione catanese de “I Siciliani”. Fino al giorno del suo omicidio. Giorno che nel diario descrive in maniera dettagliata ed emozionate. «I tempi sono cambiati – ha precisato – non ci sono più giornalisti che lavorano come una volta. Non esistono più lavori sicuri e stabili. Il vostro punto di partenza è la scuola ma dopo tocca a voi inventarvi un lavoro. E vi basta anche solo un pizzico di fantasia».

«Il diario – conclude Antonio Patti – è stato stampato dalla Tipografia Bprint di Giammoro che ringrazio per la pazienza e collaborazione. Con loro ho seguito ogni fase della stampa del diario». All’interno del diario ci sono anche informazioni utili agli studenti, il libretto delle giustificazioni e vari spazi dove raccontare le esperienze vissute in classe durante l’anno scolastico. Spazio per le foto comprese. Ora al professore Patti e ai suoi alunni tocca lavorare per l’edizione del prossimo anno. C’è una nuova tematica da scegliere e sviluppare.

Rossana Franzone

Antonio Patti


20 settembre 2017 - www.oggimilazzo.it

Istituto Da Vinci, la presentazione del diario “Avvinci” con il fumettista Lelio Bonaccorso

La dirigente Stefania Scolaro

Mercoledì 27 settembre, alle 11, nell’Aula Magna dell’Itet Leonardo Da Vinci di Milazzo, diretto da Stefania Scolaro,  verrà presentato il diario Avvinci”. Alla conferenza sarà presente Lelio Bonaccorso. Il diario racconta venticinque storie, ritratte dall’abile mano del fumettista di fama internazionale. Venticinque vite, purtroppo stroncate per mano di mafia, rimaste nel Pantheon della memoria di molti adulti e, spesso sconosciute alle nuove generazioni o, forse, conosciute in parte. Scorrono tra le pagine del diario i volti di Peppino Impastato, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Rocco Chinnici, Rita Atria, Nino Agostino, Beppe Alfano, Boris Giulano, Graziella Campagna, del Beato Don Pino Puglisi, di Giuseppe Fava, del Generale Dalla Chiesa, di Pio La Torre, di Giancarlo Siani, di Cesare Terranova, di Ciaccio Montalto e Attilio Manca. Sono ritratti anche gli uomini della scorta di Giovanni Falcone: Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani e gli uomini della scorta di Paolo Borsellino: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Ad ogni ritratto corrisponde una scheda informativa che riassume il profilo in maniera didascalica ed immediata.

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Segreteria

L’Ufficio di Segreteria effettua l’apertura al pubblico nei seguenti giorni ed orari: 

 AMMINISTRATIVA

DIDATTICA

Lunedì

9.00

12.30

     

Lunedì  

9.30

12.30

Martedì

9.00

12.30

 

Lunedì

15.00

16.30

Mercoledì

9.00

12.30

 

Martedì 

9.30

12.30 

Mercoledì

15.00

16.30

 

Mercoledì

9.30

12.30

Giovedì

9.00

12.30

 

Giovedì

 9.30

12.30

Giovedì

15.00

16.30

 

Giovedì

15.00

16.30

Venerdì

9.00

12.30

 

Venerdì

 9.30

 12.30

Il sabato, in concomitanza con la sospensione dell’attività didattica, gli Uffici rimarranno chiusi.

Albo on line

albo on line

 

Alternanza Scuola-Lavoro

Corso formazione docenti per l'alternanza scuola-lavoro

 
Go to top